A- A+
Politica
Price cap gas, Olanda-Germania fanno da sole: il piano per affondare l'Italia

Crisi energetica e price cap sul gas, come Germania e Olanda "distruggono" il mercato interno dell'Ue

Germania e Olanda hanno presentato a Bruxelles un piano congiunto per evitare il Price Cap, il famoso tetto al prezzo del gas, che già 17 Paesi della UE sembrano intenzionati scegliere come soluzione alla crisi energetica. E’ quanto trapela da Praga.

Il documento congiunto è stato presentato durante un Consiglio informale dell'energia dell'UE tenutosi proprio nella capitale Ceca, dove i 27 ministri dell'Energia si stanno incontrando per discutere la risposta dell'UE all'aumento dei prezzi di gas e elettricità.

Alle spalle di Olanda e Germania ci sarebbe anche la Norvegia che non sembra così disinteressata agli esiti del summit, visti gli extraprofitti incamerati dalle proprie imprese da inizio crisi.

Il documento espone 10 punti ma i passaggi chiave sono 3: riduzione del fabbisogno di energia di ogni Paese della UE; acquisto del gas a livello di Unione Europea con ridistribuzione nei singoli Paesi; accelerazione sulle rinnovabili con investimenti UE massivi previa semplificazione di tutte le procedure di accesso.

Queste misure dovrebbero "calmare i mercati", ha affermato il ministro dell'Energia olandese Rob Jetten prima della seconda giornata di colloqui informali di mercoledì. Se sull'ultimo punto, le rinnovabili, potrebbe aprirsi scenari nuovi a livello continentale lo snodo è determinato dagli altri due punti e soprattutto da quello sugli acquisti comuni.

La centralizzazione degli acquisti a livello UE, con la predefinizione del fabbisogno, metterebbe in mano proprio alla Commissione Europea guidata dalla tedesca Ursula von der Leyen i "rubinetti" dell’energia.

Da un lato la Germania annuncia 200 miliardi di euro sul piatto per difendere le proprie imprese e i propri cittadini, dall’altro vuole che tutto il potere di gestione dell’energia sia coordinato dalla commissione guidata dal proprio leader europeo. La UE potrà così decidere quando chiudere e quando aprire i “rubinetti”, a seconda della convenienza e della pianificazione prevista. Ma così facendo Paesi l’Italia e gli altri meno forti nella UE rischiano di vedere minata alla fonte la propria autonomia e libertà. Energia vuol dire vita e possibilità di produrre.

Con questo piano le minacce preelezioni italiane di Ursula von der Leyen, “vedremo il risultato delle elezioni in Italia, ma se le cose andranno in una situazione difficile, come nel caso di Polonia e Ungheria, abbiamo gli strumenti”, acquistano un valore ancora più preoccupante e sinistro.

A questo punto sarà facile prevedere il tam tam dei media mainstream che racconteranno l’egoismo di Paesi come l’Italia che non vogliono aderire ad un piano europeo tanto lungimirante.

Secondo il documento congiunto, l'UE ha bisogno di uno sforzo coordinato su un pacchetto d'azione per far fronte alle scarse forniture di gas e agli acquisti non coordinati dai Paesi dell'UE, che hanno fatto salire i prezzi dell'energia. Certo!

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bollettecommissionegasgermaniaitaliaolandapianoprezzo energiaprice caprussiauevon del leyen





in evidenza
Falchi-Crippa, prima uscita pubblica Matrimonio in vista? Quell'anello...

Le foto

Falchi-Crippa, prima uscita pubblica
Matrimonio in vista? Quell'anello...


in vetrina
Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."

Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."


motori
Luna Rossa Prada Pirelli, parte da Cagliari la sfida per l'America's Cup 2024

Luna Rossa Prada Pirelli, parte da Cagliari la sfida per l'America's Cup 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.