A- A+
Politica
Qatargate, 247 votazioni europee sospette. La galassia con lobbisti-Azerbaijan
Eva Kaili

Qatar-gate, potrebbe essere simile alla nostra Tangentopoli anni '90?

In favore di Qatar e Marocco ci sarebbero 247 votazioni europee sospette. La fiamma delle indagini del Qatargate non è spenta, è quanto emerge dalla rivelazioni sotto traccia che in queste ore arrivano da Bruxelles. I particolari restano segreti ma i numeri parlano tanto. Però con loro arrivano anche altre notizie: la direzione che potrebbe prendere questa fiamma non è banalmente prevedibile.

Se il numero di parlamentari europei sotto osservazione da settimane appare più ampio di quanto si creda, con un focus che riguarda principalmente i gruppi Socialisti e Democratici (S&D) e quello dei Popolari (i cosiddetti Nazionalconservatori, ad esempio non hanno mai “comandato” nella storia UE), quanto sta accadendo non ha sorpreso gli addetti ai lavori.

Certo i due gruppi, di riffa o di raffa, hanno dalla nascita dell’Unione quasi sempre eletto il presidente della Commissione Europea, cioè chi comanda, ed è lì che vanno trovate le risposte sul perché per anni le attività lobbistiche che hanno indirizzato l’Unione non siano mai state sottoposte ad una regolamentazioni ferrea, ma l'impatto dei lobbisti sul processo decisionale dell'Unione non è una novità.

Il quadro oggi potrebbe addirittura allargarsi. Un altro filone di risorse economiche arrivate sembra quello dell'Azerbaijan, per chiudere un occhio sulle violazioni dei diritti umani del Paese. In Europa dall'Azerbaijan arriva il gas e anche tanti altri doni che hanno distratto i più.

La guerra in Nagorno Karabakh nel settembre del 2020, per 44 giorni, e gli strascichi successivi dell'esercito azero che con turchi e mercenari siriani hanno fatto strage di armeni non ha visto arrivare sanzioni dalla UE o da altri Stati illuminati. Ma non è un caso isolato: per molti anni, i regimi repressivi di tutto il mondo hanno esternalizzato la loro diplomazia nell'UE a società di pubbliche relazioni e lobbisti senza che le istituzioni di controllo facessero un piega.

Ancora a settembre diversi parlamentari UE si chiedevano in un interrogazione rivolta al Presidente della Commissione, Ursula von der Leyen perché “viste le sanzioni nei confronti della Russia per l'invasione dell'Ucraina” non usare gli stessi metodi per gli azeri. “Sarebbe inconcepibile applicare due pesi e due misure nel caso dell'invasione azera”, si scrive nell’interrogazione che chiede se il Consiglio “condanna l'invasione del Nagorno-Karabakh da parte dell'Azerbaigian e la sua barbarie? Come nel caso della Russia, intende applicare sanzioni nei confronti dell'Azerbaigian e rinunciare al gas azero? In caso di risposta negativa, considera tale aggressione meno importante di quella della Russia e, nell'affermativa, su quale base?”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
247 votazioniazerbaijanlobbistimaroccoongqatarqatargatesocialistisospetteursula





in evidenza
Annalisa snobba il marito: "Sanremo? Non ci siamo visti, avevamo da fare: è andata così"

Guarda il video

Annalisa snobba il marito: "Sanremo? Non ci siamo visti, avevamo da fare: è andata così"


in vetrina
Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey

Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey


motori
Kia svela EV3: il nuovo SUV elettrico compatto con 600 km di autonomia

Kia svela EV3: il nuovo SUV elettrico compatto con 600 km di autonomia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.