A- A+
Politica
Quirinale, le prostitute di Tarantini fanno saltare il piano a Berlusconi
SILVIO BERLUSCONI Lapresse

La sentenza della Corte di Cassazione ha chiarito, definitivamente, una questione, in base all'inchiesta sul caso Ruby, che ha coinvolto Silvio Berlusconi. Tarantini e gli altri imputati — si legge nella sentenza di Appello, confermata dalla Cassazione — assecondavano il desiderio dell’allora premier, Silvio Berlusconi, presso le residenze di Palazzo Grazioli, Villa Certosa e Villa San Martino, “di circondarsi, in momenti di diporto extra-istituzionale, di donne avvenenti e disponibili”. 

Non c’era dubbio, secondo i giudici, che quelle fossero prostitute. Motivazioni, severe, che intonano il “de profundis” sulle ambizioni di Berlusconi di ascendere al Colle più alto di Roma e, forse, anche su quelle di fare il “gran federatore del centrodestra”.

Anche senza tale stangata, sarebbe stato difficile spiegare, in primis alle elettrici del centro-destra, i voti all’ex premier dei grandi elettori di Fratelli d’Italia e della Lega all’ex premier, che è stato condannato, in via definitiva, per frode fiscale. Un buon candidato sarebbe Gianni Letta, stimato anche a sinistra, non solo dal nipote, Enrico, e in Vaticano.

Giorgia Meloni, ieri, ha auspicato una sinistra italiana “moderna e in linea con il resto delle democrazie occidentali, che non abbia remore a condannare l’Unione Sovietica e la dittatura comunista”. Auspicio condivisibile. Ma, per confrontarsi con tale sinistra, anche 

il centrodestra dovrebbe capire che non basta disporre di una grande forza elettorale, che è solo una precondizione per vincere, ma non basta per governare. Oltre a recidere, completamente, i legami con personaggi e simboli del neofascismo, Meloni e Salvini devono rinnovare la classe dirigente dei loro partiti.

E lavorare affinché i partiti di destra (governativi e non) non risultino marginalizzati, commissariati, percepiti come esclusi dalle decisioni vere, ridotti solo a fare battaglie di propaganda. Archiviato la lunga epoca del berlusconismo, i nuovi leader dicano cosa intendono fare per conquistare, senza il cappello in mano, maggiore autorevolezza nelle istituzioni, negli apparati dello Stato, nella cultura, nei grandi gruppi economici.

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    berlusconiquirinaletarantini
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


    casa, immobiliare
    motori
    Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT

    Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.