A- A+
Politica
Rave, bufera sul primo decreto del governo Meloni. Il nodo-riforma Cartabia

Il decreto anti-rave di Meloni-Piantedosi: è anticostituzionale? I dubbi e le polemiche

 

Dal rave di Modena alla modifica del codice penale. Il primo decreto-legge del governo Meloni ha suscitato un autentico putiferio sul piano politico (e fin qui c'è poco da stupirsi), ma anche sul piano tecnico ci sono dei dubbi sulla correttezza dell'intervento normativo.

Le associazioni degli studenti lo definiscono “un testo scritto male e in fretta”, temendo che la sua vaghezza consenta di interdire non solo i rave-party, ma anche la libertà di manifestare e dissentire. “C’è ancora tempo prima della conversione in legge definitiva per modificare il comma che contestiamo”, dicono all'unisono Rete Studenti e Udu.

In queste cose, però, tecnicalità e sostanza si intrecciano. Nei palazzi della politica si parla di un possibile vizio di forma. Il governo Meloni ha introdotto un nuovo articolo del codice penale, il 434-bis, ma la Costituzione prevede che solo il Parlamento – espressione diretta della volontà popolare – possa legiferare su comportamenti che possono avere come conseguenza la compressione della libertà personale dell’individuo o il pagamento di una certa somma come ammenda o multa.

La "riserva di legge" e gli orientamenti giurisprudenziali

Si chiama “riserva di legge”, ma, rispetto alle intenzioni dei padri costituenti, la dottrina ha poi seguito vari orientamenti. In diverse occasioni le materie penali sono state disciplinate con decreto legge e non con Legge delega, che prevede invece la delega esplicita dal Parlamento al Governo, su questioni molto specifiche. Ciò nonostante, l'orientamento giurisprudenziale lascia aperto il campo a possibili interpretazioni difformi: diciamo che si può serenamente discutere nel merito.

Ciò che invece è indiscutibile è il criterio di urgenza in ragione del quale il Governo può supplire la funzione legislativa. Nel caso specifico di Modena, l'urgenza era evidente, sebbene in molti contestino il fatto che il testo vada ben oltre la repressione dei rave-party. L'introduzione del reato di “invasione arbitraria di terreni o edifici” viene definito “pericolosissimo” da Vinicio Nardo, presidente della Camera Penale di Milano. A suo avviso è ancora più preoccupante il fatto che l'iniziativa sia scaturita “sull’onda emotiva di un rave party in cui, tra l’altro non è successo niente di grave”. 

Leggi anche: “Decreto anti-rave misura fascista”: opposizioni all’attacco del governo

Al ministero dell’Interno danno un'interpretazione opposta, spiegando che la norma “non lede in alcun modo il diritto di espressione e la libertà di manifestazione sanciti dalla Costituzione e difesi dalle Istituzioni”, ma senza sostanziare nel merito tale affermazione. 

Entrare nel merito sarà invece necessario, perchè, sostengono fonti qualificate d affaritaliani.it, se sul rave di Modena c'è il criterio dell'urgenza, sul rinvio dell'entrata in vigore della riforma Cartabia – altro provvedimento molto discusso del decreto – non si capisce dove si riscontri tale urgenza, necessaria affinché il Governo potesse intervenire su un provvedimento già approvata dal Parlamento. Insomma, un inizio decisamente in salita per il nuovo Governo, tra polemiche sia interne che esterne alla maggioranza.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
decreto ravegiorgia meloniriforma cartabia





in evidenza
Affari in rete

Guarda la gallery

Affari in rete


in vetrina
Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"

Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"


motori
Ayrton Senna Forever: Omaggio al Campione al MAUTO

Ayrton Senna Forever: Omaggio al Campione al MAUTO

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.