A- A+
Politica
Regionali, l'avvertimento di Bossi a Salvini e le manovre sottotraccia di Zaia

Lega, il fallito putsch di Milano: cosa sta succedendo all'interno del Carroccio

Roberto Mura, Antonello Formenti e Federico Lena sono i tre “congiurati” che hanno tentato ieri il putsch alla Regione Lombardia, dopo la fuoriuscita di un altro consigliere, Gianmarco Senna già passato a Italia Viva. La notizia si è propagata ieri come una folgore che ha illuminato il cielo scuro di Milano e si è schiantata a via Bellerio, sede storica della Lega.

Infatti la decisione dei tre è arrivata proprio in tempo per partecipare alle prossime elezioni del 12 e 13 febbraio con un proprio gruppo, come vuole il regolamento. Un minuto dopo sarebbe stato impossibile. I consiglieri avevano partecipato al raduno organizzato da Umberto Bossi a Pavia per lanciare il suo Comitato per il Nord, la qual cosa aveva scatenato le ire di Salvini. La reazione è stata immediata, questione di poche ore e il Comitato di disciplina e garanzia li ha espulsi.

A questo punto la domanda è stata: chi c’è dietro? Tutti si sono chiesti se dietro ci fosse Bossi oppure no e l’iniziativa fosse stata presa in autonomia. Ci ha pensato il capo organizzativo del Comitato Nord, Paolo Grimoldi, a sconfessare i tre anche a nome di Umberto Bossi che però ha poi chiesto il reintegro allo stesso SalviniAttilio Fontana ha tirato un sospiro di sollievo perché temeva che il nuovo gruppo, a nome Comitato Nord, gli offrisse un appoggio che lo avrebbe messo in grande difficoltà.

Insomma la questione, come in tutti tentativi di golpe, è complessa e ancora non si capiscono bene le intenzioni, le modalità e soprattutto i fini dell’azione intrapresa dai tre, già da tempo critici con la Lega. È difficile pensare che abbiano agito in totale autonomia e magari volevano essere solo estremamente zelanti nei confronti del senatur oppure, ipotesi più probabile, si è trattato di un classico ballon d’essai per testare le reazioni di via Bellerio.

Quello che è certo è che i tre ora si trovano nei guai vista la smentita del Capo che probabilmente ha ordito il piano a loro insaputa. In ogni caso Bossi ha ottenuto il risultato che cercava e cioè un avvertimento a Salvini proprio in vista delle regionali, che sono il vero obiettivo di Bossi. C’è poi da considerare il fatto che anche i “governatori” Luca Zaia e in parte Massimiliano Fedriga non stanno certo con le mani in mano.

Soprattutto Zaia è molto attivo anche se democristianamente non mostra segnali di particolare ostilità verso il Capitano che però ingenuo non è e sa che la fronda c’è, e non sono solo “fantasie dei giornalisti”, come ebbe a dire qualche giorno fa, anche perché del Comitato sembrano fare parte parecchi consiglieri che siedono al Pirellone.

Zaia ha poi voluto chiarire il suo pensiero su quanto accaduto: “Nella Lega siamo stabili, ci saranno le stagioni congressuali. Quello che è accaduto in Lombardia a me fa piacere, che Bossi e quelli che hanno istituito il Comitato del Nord abbiano preso le distanze. Una cosa è la discussione, il confronto, un'altra roba un soggetto politico alternativo, che è insostenibile".

Invece Fedriga che sta lavorando ad una sua lista per il voto in Friuli che si terrà in primavera, dopo Lombardia e Lazio ha dichiarato: "Stiamo vedendo che molti cittadini, che non si riconoscono nei partiti nazionali del centrodestra, e che magari guardano anche ad altre parti politiche, apprezzano l'azione amministrativa che abbiamo svolto", così il governatore. Insomma i giochi sono cominciati.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bossilegasalvini





in evidenza
Vittime e carnefici, qualcosa sta cambiando: l'intervento del direttore Perrino su Ore 14

MediaTech

Vittime e carnefici, qualcosa sta cambiando: l'intervento del direttore Perrino su Ore 14


in vetrina
A Milano apre Avani Palazzo Moscova: un nuovo hotel "illumina" Porta Nuova

A Milano apre Avani Palazzo Moscova: un nuovo hotel "illumina" Porta Nuova


motori
Opel Corsa Electric Yes in edizione speciale, l' elettrica in stile sportivo

Opel Corsa Electric Yes in edizione speciale, l' elettrica in stile sportivo

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.