A- A+
Politica
"La Russia mette a rischio la sicurezza". La Farnesina convoca l'ambasciatore

La Farnesina a Razov: "L'Italia con i partner nel valutare nuove sanzioni alla Russia"


La Farnesina (con il segretario generale Ettore Francesco Sequi e non con il ministro degli Esteri uscente Luigi Di Maio) convoca l'ambasciatore russo in Italia, Sergei Razov, e attacca in molto molto duro la Federazione russa e il suo presidente Vladimir Putin.

"Ho espresso la più ferma condanna dell'Italia per i referendum farsa" condotti dalla Russia "per annettere" territori dell'Ucraina. Referendum di cui l'Italia "non riconosce e non ne riconoscerà l'esito". Lo ha detto oggi il segretario generale della Farnesina, Ettore Francesco Sequi, dopo la convocazione al ministero degli Esteri dell'ambasciatore russo in Italia, Sergei Razov.

Ucraina, Farnesina a Razov: Russia mette a rischio sicurezza globale

"Ho esortato" la Russia, tramite l'ambasciatore in Italia Sergei Razov, convocato stamane alla Farnesina, "a revocare gli atti illeciti e ritirare le forze russe" dall'Ucraina "immediatamente e senza condizioni". Così il segretario generale della Farnesina, Ettore Francesco Sequi. "Attraverso le sue azioni la Russia mette gravemente a rischio la sicurezza globale", ha proseguito l'ambascatore, che ha ricordato a Razov come "l'attacco a un paese sovrano e le minacce nucleari e su vasta scala (...) minano l'ordine basato su regole".

 

 

"Illegittima l'annessione di territori ucraini"

L'Italia sarà pienamente allineata con i paesi partner nel valutare nuove misure restrittive" contro la Russia, a causa della sua invasione militare in Ucraina e dell'annessione "illegittima" di territori ucraini tramite "referendum farsa". Lo ha detto oggi il segretario generale della Farnesina, Ettore Francesco Sequi, che questa mattina ha convocato ministero l'ambasciatore russo in Italia, Sergei Razov.


Cremlino: emotivo appello Kadyrov su nucleare bassa intensità

Il Cremlino ha respinto come "emotivo" l'appello del leader ceceno Ramzan Kadyrov di utilizzare armi nucleari a basso rendimento in Ucraina, dopo che le truppe di Mosca sono state costrette a lasciare Lyman, a est, dalle forze ucraine. "Questo e' un momento di grande emotivita'", ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov durante un briefing quotidiano con i giornalisti, riferendosi alle dichiarazioni dell'alleato del presidente russo Vladimir Putin. "Nel nostro Paese, l'uso delle armi nucleari avviene solo sulla base di quanto affermato nella dottrina pertinente", ha affermato Peskov.

Russia: ambasciata, Razov respinge dichiarazioni italiane

Nel corso del colloquio alla Farnesina con il segretario generale del ministero degli Esteri Ettore Francesco Sequi, l'ambasciatore russo a Roma Serghei Razov "ha respinto categoricamente le dichiarazioni della parte italiana e ha esposto le sue posizioni in merito alle questioni che sono state toccate, nello spirito di quanto disposto dal discorso del presidente della Federazione russa Vladimir Putin nella Sala di San Giorgio del Gran Palazzo del Cremlino del 30 settembre". Lo fa sapere la rappresentanza diplomatica russa in Italia in una nota pubblicata su Facebook. 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    russia razov ambasciatore italia





    in evidenza
    Affari in rete

    Guarda la gallery

    Affari in rete

    
    in vetrina
    Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria

    Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria


    motori
    Jeep Experience: un successo tra prestazioni Off-Road e accoglienza premium

    Jeep Experience: un successo tra prestazioni Off-Road e accoglienza premium

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.