A- A+
Politica
Schlein inciampa sul naso con un assist ai razzisti: "Non è ebreo ma etrusco"
Elly Schlein

Schlein "a naso" ha fatto una bella gaffe: il commento 

Tutto ha avuto inizio da una improvvida intervista concessa da Elly Schlein a TPI, The Post Internazionale, che nelle intenzioni sarebbe dovuta servire a denunciare di essere vittima di antisemitismo a causa del suo “naso ebreo Schlein”. Si legge e si sbalorda: “Si è attivato un vero e proprio esercito di odiatori che parte dal mio naso e dal mio cognome per esprimere ignobili sentimenti antisemiti. Gli stereotipi sono quasi sempre ingannevoli”.

"Per quanto sia orgogliosissima del lato ebraico della mia famiglia paterna, io non sono ebrea, perché come sapete la trasmissione avviene per linea matrilineare. Ma la cosa più folle è il dibattito sul mio naso. Perché non è un ‘naso ebreo Schlein‘ che ho ereditato da mio padre, come scrivono i razzisti nella rete. È un naso tipicamente etrusco”.

LEGGI ANCHE: Schlein, solo 2 voti a Mirafiori. Il gelo degli operai e la gaffe sul suo naso

La Schlein, invece di ribattere alle accuse razziste sul naso adunco, se ne esce dicendo che: 1) Lei non è ebrea perché ad esserlo è il padre e non la madre; 2) Il suo non è un “naso ebreo Schlein”, ma bensì un “naso etrusco”. Woody Allen non avrebbe potuto fare di meglio.

Insomma una cosa mai vista. L’intervista della Schlein ha ovviamente mandato su tutte le furie la comunità ebraica. Ruth Dureghello, presidente della comunità ebraica di Roma, ha preso quindi tastiera e calamaio ed ha prontamente rintuzzato l’improvvida Elly: “Se per rispondere a un deprecabile attacco antisemita sul tuo naso confermi lo stereotipo su cui si fonda, non sei di grande aiuto contro l’antisemitismo. Non esistono nasi etruschi, ebraici o fenici, esistono caratteristiche che ci rendono unici e di cui non bisogna vergognarsi”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
pdschlein





in evidenza
"Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"

De Filippi furiosa in tv

"Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"


in vetrina
Annalisa, "la lingua era nella sua gola...". Quando ha rischiato di morire

Annalisa, "la lingua era nella sua gola...". Quando ha rischiato di morire


motori
CUPRA Born VZ: prestazioni elettriche senza compromessi

CUPRA Born VZ: prestazioni elettriche senza compromessi

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.