A- A+
Politica
"Schlein rincorre in modo spasmodico Landini". Intervista a Enrico Borghi

Parla Borghi, l'uomo che ha lasciato il Pd per Renzi


“Le misure proposte dalla segretaria del Pd in materia fiscale e la sua rincorsa quasi spasmodica alla Cgil confermano alla lettera l’analisi che mi ha portato ad uscire da un partito che non ha più nulla a che vedere con quello che fondammo nel 2007". Inizia così l'intervista di Affaritaliani.it a Enrico Borghi, ex membro della segreteria del Pd di Enrico Letta che qualche giorno fa ha lasciato i Dem per entrare in Italia Viva.

Elly Schlein ha rilanciato la patrimoniale, su questo è d'accordo o è un'altra mossa massimalista?
“Le misure proposte dalla segretaria del Pd in materia fiscale e la sua rincorsa quasi spasmodica alla Cgil confermano alla lettera l’analisi che mi ha portato ad uscire da un partito che non ha più nulla a che vedere con quello che fondammo nel 2007. Quello era il partito che credeva nella crescita economica e nell’equa ripartizione della ricchezza come obiettivi non in conflitto, ma che al contrario attraverso lo sviluppo si sarebbero realizzate le condizioni per la giustizia sociale. Il nostro Pd era il partito che si ispirava ad Olof Palme, al concetto di dover essere contro la povertà, non contro la ricchezza, la quale non è una colpa da espiare ma un legittimo obiettivo da perseguire nel quadro della responsabilità che da essa scaturisce. Il “nuovo Pd” è, con tutta evidenza su un altro versante.

Al Lingotto avevamo detto che non era con gli odi di classe che si sarebbe sconfitta la piaga dell’evasione fiscale, e che artigiani, commercianti, piccoli imprenditori quando sono leali con il fisco pagano molto, troppo. E quindi serviva, e serve, una riforma fiscale seria, che tenga lontane le sirene  di destra che promettono una flat  tax incostituzionale e irrealizzabile e quelle di sinistra radicale che richiedono un aumento della pressione fiscale. Questo è il riformismo. Insieme con un rapporto maturo con le organizzazioni sindacali. Rincorrere la Cgil nelle piazze, farsi chiamare a raccolta, portare il sindacato su un terreno che non è il suo è un altro sintomo della malattia che ha colpito il Pd. Un tempo si parlava della “cinghia di trasmissione”, oggi sembrerebbe che qualcuno la voglia rispolverare ma al contrario. Che due partiti dell’opposizione vogliano cavalcare le decisioni sindacali, anzichè rispettarne l’autonomia, per motivazioni connesse anche con i problemi della leadership del “campo largo” non è certo una dimostrazione di lungimiranza politica.”

Iscriviti alla newsletter
Tags:
enrico borghi pd schlein





in evidenza
Sardegna, Elly e Todde si guardano negli occhi... L'intesa vincente prima delle elezioni

Guarda la gallery

Sardegna, Elly e Todde si guardano negli occhi... L'intesa vincente prima delle elezioni


in vetrina
Affari in rete/ Elezioni in Sardegna, la discesa della Lega dal 2019 a oggi

Affari in rete/ Elezioni in Sardegna, la discesa della Lega dal 2019 a oggi


motori
Aston Martin Vantage GT4 2024: innovazione e prestazioni al top nel mondo GT

Aston Martin Vantage GT4 2024: innovazione e prestazioni al top nel mondo GT

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.