A- A+
Politica
"Scuola in presenza per i disabili. Ipotesi gruppi con 3 o 4 compagni"

"Purtroppo è una notizia che non avremmo voluto né leggere né scrivere". Con queste parole il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso commenta con Affaritaliani.it le nuove restrizioni che partiranno da lunedì e che lasceranno a casa con le scuole chiuse milioni di bambini e di studenti. "Il piano vaccinale del personale scolastico è in ritardo a causa delle note vicende degli ultimi dodici mesi. In più, si è aggiunta la variante inglese che, come sostiene la comunità scientifica internazionale, è particolarmente aggressiva nei più giovani. Dobbiamo lavorare e stringere i tempi per ottenere a settembre una riaperture delle scuole con una didattica in presenza e in sicurezza. Purtroppo, al momento dobbiamo anteporre al diritto allo studio, costituzionalmente garantito, quello alla salute degli studenti e dei lavoratori della scuola".

L'articolo 43 dell'ultimo Dpcm, dopo una battaglia del ministro Bianchi, aveva garantito il diritto alla scuola in presenza sempre e comunque, anche in zona rossa, per i bambini disabili (DVA). Questo diritto viene confermato, giusto? "Assolutamente sì, non prendo nemmeno in considerazione l'idea che si possa tornare indietro rispetto all'articolo 43. Posso aggiungere che il ministro Bianchi è al lavoro, su sollecitazione del mondo delle associazioni, per creare nelle scuole un piccolo gruppo di 3-4 compagni che possano andare in presenza insieme al bambino o al ragazzo disabile. Senza almeno qualche compagno di classe, infatti, non si realizza la vera inclusione del bambino o del ragazzo disabile. C'è poco tempo per ottenere questo risultato, ma stiamo producendo il massimo sforzo", sottolinea Sasso.

"L'idea è quella di delegare ai dirigenti scolastici, in base al principio dell'autonomia, i criteri per la realizzazione di questa misura. Scuola in presenza per i bambini e i ragazzi DVA insieme a un gruppetto piccolo di compagni di classe, ovviamente su base volontaria e da individuare senza alcuna discriminazione e quindi non privilegiando i figli di questo e di quel lavoratore. Solo in questo modo si può realizzare l'effettiva inclusione, come previsto dalla legge". Il sottosegretario all'Istruzione conclude: "Lunedì è molto vicino, è una lotta contro il tempo. Spero che gli uffici trovino rapidamente il modo per realizzare questo obiettivo e per organizzarsi al meglio. Questo provvedimento, secondo noi, deve valere in tutte le scuole, da quella dell'infanzia in su".

Commenti
    Tags:
    sasso scuola sottosegretario istruzionescuola in presenza disabiliscuola in presenza quando
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Gascoigne, tendine a pezzi Addio all'Isola dei Famosi

    Peggiorano le condizioni di Paul

    Gascoigne, tendine a pezzi
    Addio all'Isola dei Famosi

    i più visti
    in vetrina
    Dayane Mello e Balotelli, ex Gf Vip 5 rompe il silenzio: "Io e Mario..."

    Dayane Mello e Balotelli, ex Gf Vip 5 rompe il silenzio: "Io e Mario..."


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    ANCMA: quadricicli elettrici esclusi dalla Ztl di Napoli

    ANCMA: quadricicli elettrici esclusi dalla Ztl di Napoli


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.