A- A+
Politica
Speranza, Bersani, D'Alema: il Pd attende il ritorno della "trimurti"

Speranza, D'Alema, Bersani: il ritorno nel Pd del "trio"

Ma verranno? Quando Verranno? E se verranno, come faremo? Queste le domande che vorticano come spifferi indisponenti in un vecchio Palazzo del centro storico di Roma, conosciuto come “Nazareno”, dove ha sede un Istituto –guarda caso- cattolico ma ha sede soprattutto il Partito democratico, erede del PCI e di una parte della Democrazia Cristiana. Ora è la sede della nuova segretaria Elly Schlein che di carriera ne ha fatta molta essendosi iscritta solo qualche mese fa. Ma chi è la triplice che dovrebbe ritraslocare?

Si tratta nientemeno della “ditta” originale, cioè di Massimo D’Alema e Pierluigi Bersani con l’aggiunta di un “ragazzo”, invero prima non molto noto e che ora lo è grazie alla popolarità ottenuta durante Il Covid e cioè l’ex ministro della Sanità Roberto Speranza che ha messo agli arresti domiciliari milioni di italiani condendo il tutto con un green pass che non serviva a nulla dal punto di vista sanitario ma che ha impedito di lavorare ad altri milioni di persone. Naturalmente i tre, nella migliore tradizione comunista negano, si parano, nicchiano, accennano vagamente ma non dicono esplicitamente, anzi corrugano il sopracciglio e guardano male.

D’Alema continua a perculare in privato i cronisti dicendo: “Seguirò la linea che ci darà il compagno Speranza”. Grande l’ex baffino nazionale che come un leone in gabbia ora deve obbedire, almeno formalmente, allo sconosciuto “compagno”. Infatti il verbo finale sarà rivelato dal meno importante dei tre –per questo l’hanno messo a fare il segretario- e cioè Speranza che qualche giorno fa ha” zoomato” facendo comparire i bei faccioni sovietici del Politburo della direzione nazionale di Articolo 1 sul computer. 

La novena è scontata e fa parte della retorica da mercato rionale: “C’è qualcuno che può sostenere che questo Pd è lo stesso di quello di Renzi?”. “Noooooo!”. “Ora abbiamo la nostra nuova Marianna fluida che con il dito ingioiellato ci indica il dolce Sol dell’Avenire. Ne sarete voi degni?”. “Sììììììì!”.

E già immaginiamo l’applauso brezneviano di D’Alema e company con le loro divise falciomartellate e le decorazioni all’ordine di Lenin, pardon di Togliatti, in verità un poco sbiadite dagli anni e soprattutto dalle “lenzuolate” di liberalizzazioni e dalla distruzione della sanità pubblica e del lavoro perpetrata proprio da Bersani e D’Alema (con la ciliegina Renzi sul Job Act)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bersanid'alemapdschleinsperanza





in evidenza
Affari in rete/ Chiara Ferragni-Fedez, social impazziti: i meme più divertenti sulla presunta rottura

Guarda le foto

Affari in rete/ Chiara Ferragni-Fedez, social impazziti: i meme più divertenti sulla presunta rottura


in vetrina
Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


motori
BMW Italia e AC Milan lanciano la Campagna '+ Diversity is More'

BMW Italia e AC Milan lanciano la Campagna '+ Diversity is More'

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.