I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Fisco e Dintorni
La riforma fiscale di PIN
Antonio Sorrento Pres. PIN

COMUNICATO STAMPA

Nell’attesa di conoscere la composizione del nuovo esecutivo di governo, con alla guida il Prof. Mario Draghi, PIN – Partite iva Nazionali rende pubblici alcuni dei punti della propria riforma fiscale ormai da mesi allo studio del proprio comitato tecnico scientifico (CTS).

Tale comitato scientifico – composto da professionisti di elevata fattura che in sinergia hanno studiato i punti deboli del nostro sistema fiscale e previdenziale – si accinge dunque a proporre a questo governo e a quello che verrà una serie di soluzioni pragmatiche e risolutive.

Molteplici sono i punti portati già a segno da PIN come la sentenza del Tribunale di Bari che ha cancellato un debito esattoriale da 13 MLN di euro (sent. n.3401/2019) o quella della Commissione Tributaria di Lecce che ha annullato un accertamento fiscale illegittimo da 600 ML euro emesso nei confronti di un’imprenditrice salentina (sent. n.767/2020). Ma non solo. Ricordiamo anche le ultime petizioni pubblicate in Senato relative alla concessa proroga per la Rottamazione Ter delle cartelle esattoriali dello scorso 10 dicembre piuttosto che la proroga dell'installazione e adeguamento del registratore di cassa telematico, posticipato in data 1 aprile con circolare a firma di Ruffini ed altre, ancora al vaglio della V° e VI° Commissione Parlamentare.

Il Presidente di PIN, Antonio SORRENTO, ci ha svelato solo 3 dei punti al bando del CTS pin dichiarandosi soddisfatto del lavoro sin qui svolto a tutela di un mondo alquanto bistrattato rispetto a quella che è la sua importanza per l'economia del Paese e ci anticipa che gli altri punti su cui si sarà alacremente lavorando riguardano il settore previdenziale oltre che tributario, con un attenta analisi sul sistema Durc che a causa del covid dovrà necessariamente subire degli immediati cambiamenti. Un punto fondamentale su cui le partite iva vogliono fare chiarezza è:

1) l’eliminazione dei bonus previsti per i funzionari sugli accertamenti fiscali (bonus previsti dalla Convenzione MEF/Agenzia delle Entrate per il triennio 2019/2021);

2) la tutela economica e fiscale dell'imprenditore che fallisce, come già avviene per i dipendenti che affrontano una cessazione di lavoro, con una riforma mirata alla rimodulazione del processo di accesso al credito;

3) modifica della figura del garante del Contribuente e attribuzione di nuovi poteri per intervenire in caso di disfunzioni della macchina amministrativa.

Questi tre grandi temi sviluppati dal CTS PIN, quindi, sono pronti per esser messi a disposizione del Governo e del Paese. L’invito che PIN rivolge a tutte le imprese è quello di unirsi sotto un unico hashtag "#mitutelo    www.partiteivanazionali.it           email: info@partiteivanazionali.it 

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    #pin #riformafiscale #covid19 #draghi
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


    casa, immobiliare
    motori
    Nasce a Torino Stellantis Italy House, la casa della sostenibilità

    Nasce a Torino Stellantis Italy House, la casa della sostenibilità


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.