I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Fisco e Dintorni
Riparte il Fisco: attenzione ai 5 errori più comuni

Con il c.d. “Decreto Sostegni Bis” – approvato dal Consiglio dei Ministri in questi giorni – è stata nuovamente prorogata fino al 30 giugno 2021 la sospensione delle attività di notifica delle cartelle esattoriali e degli altri atti di riscossione nonché delle procedure cautelari (fermi e ipoteche) ed esecutive (pignoramenti) del concessionario della riscossione (Agenzia Entrate Riscossione, ex Equitalia). Cessati gli effetti della sospensione, a partire dal 1° luglio ripartiranno le notifiche delle cartelle e degli altri atti esattoriali da parte del Fisco.

 

Alla luce di ciò, sarà sempre più importante controllare le pretese del Fisco al fine di individuare eventuali indebiti. Per farlo è necessario tuttavia conoscere quali sono i vizi più frequenti degli atti notificati al contribuente. Abbiamo, dunque, chiesto qualche “dritta” ai professionisti del Centro Studi Giuridici Sances, l’Avv. Matteo Sances e il Dott. Tiziano De Salve.

 

Dott. De Salve, cosa devono controllare i contribuenti appena viene loro notificato un atto dell’Amministrazione Finanziaria?

  1.       Innanzitutto la notifica: è opportuno controllare frequentemente la casella di posta elettronica certificata (PEC). Infatti, eventuali contestazioni possono essere mosse solo tempestivamente e, cioè, generalmente in 20, 40 o 60 giorni a far data dalla notifica a seconda dei vizi riscontrati e della tipologia di pretese;
  2.       il termine di prescrizione: per i contributi I.N.P.S. ad esempio le relative pretese si prescrivono in 5 anni a partire dalla notifica degli atti esattoriali. Non basta! La Cassazione ha anche chiarito che i contributi una volta prescritti NON POSSONO essere riscossi dall’I.N.P.S. e se sono stati pagati devono essere rimborsati al contribuente (cfr. Cass. ord. n.20955/2020, Cassazione a Sezioni Unite n.23367/2016). Per quanto attiene, invece, i tributi non è ancora definitivo il termine di prescrizione quinquennale, anche se la Corte di Cassazione ha sancito recentemente la prescrizione in cinque anni delle pretese a titolo di IRPEF, IRES e IVA (cfr. Cass. sent. n.30362/18). Stesso termine di 5 anni vale per le sanzioni e gli interessi;
  3.       illegittimità degli interessi di mora su sanzioni: il Fisco non può richiedere al contribuente il pagamento di somme a titolo di interessi di mora sulle sanzioni fiscali. Infatti, l’art. 2 comma 3 del D.lgs. 472/1997 prevede chiaramente che «(…) la somma irrogata a titolo di sanzione non produce interessi.»;
  4.       illegittimità degli interessi di mora sui contributi I.N.P.S.: nella maggior parte dei casi non possono essere applicati interessi a titolo di mora sui contributi previdenziali e assistenziali. Ai sensi del D.lgs. 46/1999, infatti «(…) sui contributi o premi dovuti agli enti pubblici previdenziali, le sanzioni e le somme aggiuntive (…)». Tuttavia, non di rado, nelle cartelle di pagamento vengono applicati indiscriminatamente. Per verificare questi aspetti basta controllare gli atti nella sezioni “specifica degli importi” oppure “motivazione”.

 

Infine, interviene l’Avv. Sances per segnalare un’importante questione relativa alla notifica degli atti a mezzo PEC, “Attenzione, invito tutti i possessori di un indirizzo di posta elettronica certificata a verificare la pec da cui proviene la notifica degli atti delle varie Amministrazioni. Infatti, recente giurisprudenza ha sancito che se l’atto viene notificato al contribuente da un indirizzo pec non contenuto nei pubblici registri (consultabili su INIPEC o INDICEPA), la notifica è NULLA (cfr. Cass. ord. n.17346/2019)”.

Questi sono dunque alcuni dei vizi più comuni degli atti esattoriali (ingiunzioni di pagamento, cartelle, ipoteche, ecc..) che possono essere tranquillamente controllati in autonomia da OGNI contribuente.

 

Ringraziamo, dunque, i professionisti del Centro Studi Sances per i preziosi consigli e per il costante supporto fornito ai contribuenti.

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    #fisco #decretosostegnibis #terminiprescrizione #avvsances
    in evidenza
    Juventus, è fatta per Vlahovic Alla Fiorentina 75 mln. E Morata...

    Calciomercato

    Juventus, è fatta per Vlahovic
    Alla Fiorentina 75 mln. E Morata...

    i più visti
    in vetrina
    Bargiggia vs Criscitiello: "Un mix imbarazzante, Er Faina e cosce"

    Bargiggia vs Criscitiello: "Un mix imbarazzante, Er Faina e cosce"


    casa, immobiliare
    motori
    Renault si aggiudica due premi al Festival Automobile International

    Renault si aggiudica due premi al Festival Automobile International


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.