A- A+
Il Sociale
Scuole vecchie e pericolose. Scarsa attenzione per i disabili

La sicurezza delle scuole, nel nostro Paese, lascia ancora a desiderare: 4 edifici su 10, infatti, hanno una manutenzione carente, oltre 1 su 5 presenta lesioni strutturali e, in quasi la metà dei casi, gli interventi strutturali non sono stati effettuati. Sono alcuni dei dati contenuti nel "XIII Rapporto su sicurezza, qualità ed accessibilità a scuola" di Cittadinanzattiva, presentato a Roma. Gli edifici scolastici italiani monitorati sono stati 101 in 13 Regioni (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia e Veneto).

Per quanto riguarda lo stato degli edifici, in particolare, Cittadinanzattiva fa sapere che "il 39% delle scuole ha uno stato di manutenzione mediocre o pessimo, una su cinque (21%) presenta lesioni strutturali. Il 15% delle aule presenta distacchi di intonaco o segni di fatiscenza". Più della metà delle scuole, in Italia, si trova in una zona non sicura

Nell'ultimo anno 340 incidenti a causa della scarsa sicurezza. All’interno delle scuole, in particolare, Cittadinanzattiva fa sapere che "mancano scale di sicurezza nel 26% delle scuole monitorate; solo il 34% presenta vetrate a norma; le porte con apertura antipanico sono assenti nel 74% delle aule". In più di 1 scuola su 4 l'impianto elettrico è "completamente o parzialmente inadeguato, mentre quasi 1 scuola su 3 ha un impianto anti-incendio in stato arretrato".

Le scuole italiane prestano poca attenzione a barriere architettoniche e accessibilità. Un edificio su 4 è privo di bagni per studenti con disabilità. E seppur a livello nazionale il 70% delle scuole dichiari di aver messo in atto accorgimenti per il superamento delle barriere architettoniche, ci sono regioni molto indietro: ultima la Calabria, che arriva appena al 16%. Secondo il rapporto di Cittadinanzattiva, poi, il "50% degli edifici su più piani dispone di un ascensore, ma questo nel 12% dei casi non funziona e nel 4% non è abbastanza largo da consentire l'ingresso di una carrozzina".

Crescono gli episodi di bullismo. Sono in crescita, nelle scuole italiane, gli episodi di bullismo che nell'ultimo anno hanno interessato il 36% degli istituti (lo scorso anno era solo il 10%). Una scuola su 3, invece, ha subito nell'ultimo anno atti di vandalismo, il 14% anche episodi di criminalità all'interno, mentre il 9% nei pressi dell'edificio.

Scuole sempre più “green”. Cresce negli anni, nel nostro Paese, il numero di edifici che utilizza fonti di illuminazione a basso consumo (32%), o pannelli solari e altre fonti rinnovabili (21%). Il 78% fa poi la raccolta differenziata, ma solo il 12% mette a disposizione di tutti contenitori specifici. Notevoli, però, le differenze territoriali.
Una scuola su tre, in Italia, usa nelle mense prodotti a km zero. Ogni giorno, però, circa il 14% del cibo servito viene sprecato e solo il 9% delle scuole prevede come riutilizzarlo. Secondo iCittadinanzattiva, poi, solo il 4% utilizza esclusivamente prodotti biologici, assenti invece del tutto nel 37% delle mense monitorate (da redattoresociale.it)

Tags:
scuolelesionatedisabili
in evidenza
Cristina D'Avena, bikini esplosivo Fans: "Per tutti i puffi". LE FOTO

Wanda, Fico e... Gallery Vip

Cristina D'Avena, bikini esplosivo
Fans: "Per tutti i puffi". LE FOTO

i più visti
in vetrina
Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente


casa, immobiliare
motori
Lancia firma il suo primo monopattino elettrico

Lancia firma il suo primo monopattino elettrico


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.