A- A+
Sport
Djokovic: "Non sono No Vax ma rinuncio a Wimbledon se c'è obbligo di vaccino"

Djokovic: "Rinuncio a diventare il più grande tennista di tutti i tempi pur di non vaccinarmi"

Novak Djokovic assicura di non essere no-vax ma si dice disposto anche a rinunciare ai prossimi tornei di tennis piuttosto che vaccinarsi. Il tennista serbo, numero uno del tennis mondale, ha posto l'accento con forza, in un'intervista esclusiva alla Bbc, sul diritto di scelta dell'individuo; e quando gli e' stato chiesto se sia pronto a sacrificare la partecipazione a competizioni come Wimbledon o gli Open di Francia (l'avevamo anticipato qui) piuttosto che vaccinarsi non ha mostrato dubbi: "Si', e' il prezzo che sono disposto a pagare".

Con 20 trionfi nelle prove del Grande Slam, il tennista serbo e' stato espulso dall'Australia nelle scorse settimane dopo che il governo ha annullato il suo visto proprio per il suo stato vaccinale. "Non sono mai stato contrario alle vaccinazioni", ha spiegato, confermando di aver fatto i vaccini da piccolo; "ma ho sempre sostenuto la liberta' di scegliere cosa mettere nel proprio corpo".

Nell'intervista ad ampio raggio, la prima da quando è stato detenuto a Melbourne a gennaio (abbiamo riassunto la vicenda qui), Djokovic ha affrontato la speculazione sulla tempistica del suo caso positivo di Covid a dicembre e ha discusso del proprio atteggiamento nei confronti del vaccino. Djokovic ha detto che sperava che i requisiti di vaccinazione in alcuni tornei cambiassero, aggiungendo che sperava di "poter giocare per molti più anni".

LEGGI ANCHE: Djokovic fa spese in Danimarca: acquista un'azienda che cura il Covid

Ma ha anche confermato di essere disposto a rinunciare alla possibilità di diventare statisticamente il più grande tennista di tutti i tempi. "Perché i principi del processo decisionale sul mio corpo sono più importanti di qualsiasi titolo o altro. Sto cercando di essere in sintonia con il mio corpo il più possibile". Djokovic ha affermato anche di essere stato "sempre un grande studente di benessere, salute, nutrizione" e che la sua decisione è stata in parte influenzata dall'impatto positivo che fattori come il cambiamento della sua dieta e dei suoi schemi di sonno hanno avuto sulle sue capacità di atleta.

Il serbo ha inoltre detto che stava cercando di "avere una mentalità aperta" sulla possibilità di essere vaccinato in futuro, "perché stiamo tutti cercando di trovare collettivamente la migliore soluzione possibile per porre fine al Covid". "Non sono mai stato contrario alla vaccinazione. Capisco che a livello globale, tutti stanno cercando di fare un grande sforzo per gestire questo virus e vedere, si spera, una fine presto a questo virus".

Sono state somministrate più di 10 miliardi di dosi di vaccini Covid e circa sei persone su 10 a livello globale ne hanno avuto almeno uno. Quindi c'è una ricchezza di informazioni ma Djokovic dice di non avere abbastanza informazioni sul "vaccino". Inoltre il tennista serbo ha parlato delle speculazioni avvenute sulla sequenza degli eventi degli Australian Open di gennaio. "Capisco che ci siano molte critiche e capisco che le persone escono con teorie diverse su quanto sia stato fortunato o quanto sia conveniente", ha riconosciuto.  "Ma nessuno è fortunato a contrarre il Covid. Milioni di persone lo hanno preso e stanno ancora lottando con il Covid in tutto il mondo. Quindi lo prendo molto sul serio, non mi piace davvero che qualcuno pensi di aver abusato di qualcosa o a mio favore, al fine di ottenere un test PCR positivo e alla fine andare in Australia".

Djocovic espulso dall'Australia: "Non perché non ero vaccinato, vi spiego il vero motivo"

"Ero davvero triste e deluso dal modo in cui tutto è finito per me in Australia", ha detto. "Non è stato facile". La sua richiesta di esenzione medica è stata presentata in forma anonima ed è stata accettata da due panel australiani indipendenti. Tuttavia c'era una dichiarazione di viaggio separata, che includeva un errore. "Assolutamente, l'errore di dichiarazione del visto non è stato commesso deliberatamente", ha detto Djokovic. "È stato accettato e confermato dalla Corte federale e dallo stesso ministro del Ministero dell'Immigrazione in Australia. Quindi, in realtà, quello che probabilmente la gente non sa è che non sono stato espulso dall'Australia perché non sono stato vaccinato, o ho infranto qualsiasi regola o ho commesso un errore nella mia dichiarazione del visto. Tutto ciò è stato effettivamente approvato e convalidato dalla Corte Federale d'Australia e dal Ministro dell'Immigrazione.

Il motivo per cui sono stato espulso dall'Australia è stato perché il ministro dell'Immigrazione ha usato la sua discrezione per annullare il mio visto in base alla sua percezione che avrei potuto creare un sentimento anti-vax nel paese o in città, cosa con cui non sono completamente d'accordo", ha concluso Djokovic. 

LEGGI ANCHE: Liliana Resinovich morta, ipotesi sequestro di persona: nuovi esami ma esito tra un mese

Iscriviti alla newsletter
Tags:
djokovicno vaxtennis




in evidenza
Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

La classifica comscore

Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)


in vetrina
Bimba morta di stenti/ Povera Pifferi in mano a tanti pifferai. L'intervento del direttore Perrino a "Ore 14"

Bimba morta di stenti/ Povera Pifferi in mano a tanti pifferai. L'intervento del direttore Perrino a "Ore 14"


motori
L’Economia Circolare di Stellantis in aumento del 18% nel 2023

L’Economia Circolare di Stellantis in aumento del 18% nel 2023

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.