A- A+
Sport
Inchiesta Juventus: "Mai vista una società quotata comportarsi in questo modo"

Juventus, la deposizione di Zoppo: "Volevano metterci in difficoltà"

L'inchiesta denominata Prisma che ha travolto la Juventus continua. Dopo la penalizzazione di 15 punti già inflitta al club bianconero e l'azzeramento dei vertici della vecchia gestione a guida Andrea Agnelli, emergono nuovi retroscena clamorosi sull'ultimo cda del 24 e 28 novembre scorsi, ultimo atto di fatto della vecchia presidenza, destinati a far rumore. "Era un momento teso, c’era fretta", dice Maria Cristina Zoppo, componente effettiva del collegio sindacale e lo riporta Repubblica, ripercorrendo davanti ai pm di Torino, che indagano sui conti della Juventus, quelle giornate dell’anno scorso, in cui in pochi giorni si è sgretolata l’era Agnelli. Si parla del progetto di bilancio, senza seguire la linea di Deloitte: «In vent’anni di lavoro non ho mai visto una quotata che non recepisce i rilievi di una società di revisione".

Le accuse di Consob e procura incombono anche negli incontri dei cda: era in corso "la tempesta perfetta". Il pool di legali era ormai presente a ogni riunione: «Non mi è mai capitato che gli avvocati avessero un peso così significativo», prosegue nella sua deposizione Zoppo e lo riporta Repubblica. Il collegio sindacale chiede di rivedere il progetto di bilancio e per tutta risposta «tolgono l’audio, non il video» dal collegamento online per 50 minuti. Come estromessi dal consiglio. La pausa serve per delle «valutazioni» degli avvocati e per tradurre dei passaggi. "Dopo un quarto d’ora chiedo: "Presidente, quanto ci mettete a fare la traduzione di due pagine?". Poi si ricollegano e iniziano a farci delle domande, per metterci in cattiva luce. È stata una mitragliatrice". Zoppo e il collega Forte si sono poi dimessi il 5 gennaio.

 
Iscriviti alla newsletter
Tags:
inchiesta juventus




in evidenza
Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

Politica

Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento


in vetrina
Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"

Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"


motori
Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.