A- A+
Sport
Juventus-Napoli e caos serie A: il ministro dello Sport, Spadafora, deve dimettersi? Sondaggio
Vincenzo Spadafora (foto Lapresse)

La serie A trema: dopo il caso Juventus-Napoli, decine di partite nei prossimi mesi sono a rischio rinvio. Situazione che rischia di paralizzare il campionato di calcio. Figc e Lega sono al lavoro per chiedere al Governo di rinforzare il protocollo (concordato con il Cts e integrato dalla Circolare del Ministero della Salute lo scorso 18 giugno). Molti tifosi ritengono però che il calcio italiano sia stato poco tutelato dall'esecutivo in questi mesi. In ballo non solo banalmente le partite della domenica ma un sistema che genera in Italia  4,7 miliardi di euro (di cui 3,5 mld da parte del calcio professionistico).

Se il ministro della Salute, Roberto Speranza nelle scorse ore ha messo nell'angolo il calcio ("Se dobbiamo rischiare facciamolo per le scuole, non per gli stadi"), quello dello Sport, Vincenzo Spadafora è stato chiaro: “Alle Asl il ruolo di vigilare sul calcio, a loro è demandata una chiara responsabilità e una precisa azione di vigilanza. Gli organismi sportivi decideranno su aspetti specifici del campionato e su eventuali ricorsi futuri” (posizione ribadita anche dal Cts). E il mondo del pallone si trova all'angolo...

Il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora dovrebbe dimettersi dopo il caos Juventus-Napoli o è incolpevole? Vota il sondaggio di Affaritaliani.it

 

 

Commenti
    Tags:
    juventus napolispadaforavincenzo spadafora
    in evidenza
    Il trauma di Romina Carrisi "Ho lavorato negli strip club"

    Dolorosa esperienza negli USA

    Il trauma di Romina Carrisi
    "Ho lavorato negli strip club"

    i più visti
    in vetrina
    Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

    Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena


    casa, immobiliare
    motori
    Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen

    Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.