A- A+
Sport
L'Inter al fondo saudita PIF: San Siro decisivo nell'accordo con Zhang

Il fondo sovrano dell'Arabia Saudita Pif, dopo il Newcastle, vuole comprare anche l’Inter: trattativa in fase avanzata

Dopo il Newcastle, anche l’Inter. Il fondo sovrano dell'Arabia Saudita Pif (Public Investment Fund), è in trattativa con il gruppo Suning per l’acquisto del club nerazzurro. La crisi del colosso di Nanchino e la possibilità che, dopo la rielezione di Beppe Sala a Sindaco di Milano, si sblocchi la questione relativa a San Siro rappresentano due spinte notevoli all’accelerazione della transazione.

Suning valuta l’Inter un miliardo di euro, investimento impegnativo, ma certamente riterrebbe ben più allettante se il club avesse tra i suoi asset uno stadio di proprietà. 

Per avere un termine di paragone, va ricordato che il PIF ha appena completato l'acquisizione dell'80% del Newcastle per 360 milioni di euro. Un ulteriore confronto è quello con il PSG, controllato dal fondo sovrano qatariota Qatar Investment Authority: il fatturato 2020 del PIF è di 500 miliardi di dollari, contro il 400 dei rivali quatarioti.

Il fondo di Mohammed Bin Salman, principe ereditario saudita, punta con decisione alla creazione di un network nel mondo del calcio, comprendente anche il Marsiglia e un club brasiliano. Il modello di riferimento è l’Abu Dhabi United Group, di proprietà dello sceicco Mansour, che controlla tra le altre Manchester City, New York City, Melbourne City, Troyes, oltre ad avere partecipazioni in altri club come Girona e Yokohama Marinos. 

Il fondo PIF vuole fare la stessa cosa, a costo di sfidare le regole della Uefa, che vietano la multiproprietà di più club iscritti allo stesso torneo. Il rischio è molto elevato: l’Inter già partecipa alla Champions League e il Newcastle, con i rinforzi attesi già dalla prossima sessione di mercato a gennaio, certamente vuole diventarne una protagonista abituale.

Una soluzione andrà trovata e certamente sarà più facile rispetto ai problemi posti da ONG come Emergency e Human Rights Watch, che sottolineano lo scarso rispetto dei diritti umani da parte del regime saudita.

Tra gli obiettivi della famiglia reale di Riad c’è “anche” un'energica ripulitura della propria reputazione e il calcio ha una forza comunicativa impareggiabile, soprattutto quando si tratta di proporre al mondo un’immagine positiva e vincente.
 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    beppe salafondo saudita pifintersan sirozhang
    i più visti

    casa, immobiliare

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.