A- A+
Home
Usa, soldi al Centroamerica per frenare l’immigrazione

Usa, soldi al Centroamerica per fermare i flussi migratori

La Casa Bianca ha deciso di raddoppiare il proprio impegno per aiutare i paesi centroamericani a combattere le cause ( povertà, violenza, instabilità democratica) che hanno accelerato l’emigrazione di migliaia di persone. “Sei mesi fa avevamo un impegno di 750 milioni di dollari. Ora abbiamo investito 1,2 miliardi” ha confermato il vicepresidente Kamala Harris incaricata di gestire la crisi al confine meridionale agli amministratori delegati presenti all’incontro. 450 milioni di dollari verranno resi disponibili da aziende come Microsoft, Cargill, PepsiCo, che hanno sedi in Guatemala e Honduras. Più investimenti ma pure più flussi migratori, ed il 2021 ha segnato nuovi record come numeri di arrivi. Tra ottobre 2020 e ottobre 2021 ci sono stati quasi 2 milioni di immigrati privi di documenti in stato di detenzione. Una crisi che si è riflessa pesantemente sul crollo di popolarità della coppia Biden/Harris.

Usa, molte aziende americane hanno deciso investimenti in Centroamerica

“La gente di El Salvador, Guatemala e Honduras non è diversa dalla gente di altri paesi. Quando lasciano le loro case lo fanno perché fuggono dal pericolo o dall’estrema povertà” ha sostenuto la vicepresidente . Sono molte le aziende americane che hanno deciso di investire in Centroamerica. Tra queste: PepsiCo investirà nei suoi stabilimenti della regione,entro il 2025, 190 milioni di dollari e amplierà le sue reti distributive. Cargill, il gigante agricolo multinazionale, ha pianificato 150 milioni di dollari in cinque anni per sostenere 19.000 contadini in Honduras, Guatemala ed El Salvador. Stessa somma per l’azienda tessile Parkdale Mills per costruire un impianto di cotone in Honduras in grado di fornire materie prime alle sue fabbriche in Virginia. Peet's, una società di caffè, aumenterà del 40% il suo sostegno finanziario ai coltivatori di caffè della zona.

Usa, anche aziende latinoamericane hanno risposto all'appello della Casa Bianca

All'appello della Casa Bianca hanno risposto anche alcune aziende latinoamericane. Il Gruppo Mariposa guatemalteco, produttore di bevande analcoliche, darà le proprie garanzie a 70.000 negozi di quartiere per accedere a prestiti agevolati. La catena di negozi Price Smart, presente in sei Paesi del Centro America, investirà anche nello sviluppo di piccole e medie imprese. Microsoft svilupperà le competenze tecnologiche di 100.000 persone per permettere migliori posti e retribuzioni. Mastercard investirà $ 100 milioni per incorporare cinque milioni di persone in El Salvador, Guatemala e Honduras nel sistema finanziario e per aprire le porte all'online banking per le microimprese. Oltre agli investimenti finanziari, Washington è preoccupata anche per la stabilità democratica e istituzionale della regione. Harris ha anche fatto riferimento alla lotta alla corruzione nelle nazioni del triangolo nord. È stata una delle prime leader a congratularsi con Xiomara Castro dopo il suo trionfo alle elezioni presidenziali in Honduras alla fine di novembre. Un piccolo grande passo della vicepresidente per riguadagnare qualche punto in termini di popolarità.

 

Commenti
    Tags:
    bidencentroamericaimmigrazionekamala harrismicrosoft


    in evidenza
    Elodie va in gol: San Siro e al Maradona, ma è mistero sui manifesti. Date e indizi

    Annuncio col giallo

    Elodie va in gol: San Siro e al Maradona, ma è mistero sui manifesti. Date e indizi

    
    in vetrina
    Pepsi, ristorante temporaneo in Duomo a Milano: atmosfere vintage e gusti americani

    Pepsi, ristorante temporaneo in Duomo a Milano: atmosfere vintage e gusti americani


    motori
    FIAT Professional, arriva il cambio automatico AT8 sul nuovo Ducato

    FIAT Professional, arriva il cambio automatico AT8 sul nuovo Ducato

    Coffee Break

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.