I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Il cruscotto

LE GARANZIE NELLA NOTA INTEGRATIVA

Angelo2
 

In questo periodo le aziende insieme ai commercialisti, contabili ecc. sono impegnati nel redigere il bilancio d’esercizio.

D - Cosa è il bilancio d’esercizio?

R - Il bilancio di esercizio è un insieme di documenti contabili che ogni impresa deve redigere con riferimento ad un anno solare  (1/1 - 31/12), salvo diversa disposizione statutaria, nei primi mesi dell’anno successivo.

D - Da chi viene redatto?

R - Dall’organo amministrativo nelle società di capitali, dai soci amministratori nelle società di persone e dal titolare unico nelle ditte individuali.

D - Perché viene redatto?

R - Per determinare il risultato d’esercizio, la situazione patrimoniale e finanziaria dell’impresa, oltre alla determinazione del reddito imponibile per il calcolo delle imposte sul reddito.

D - Cosa rappresenta per i soci e per i creditori?

R - Uno strumento di informazione sulla consistenza del patrimonio della società e per i soci come è stata determinata la quota di utile distribuibile o della perdita.

Inoltre permette ai soggetti terzi di potersi orientare circa i possibili rapporti che intendono instaurare con l’azienda in esame e i potenziali rischi.

D - Come si compone?

R - A questa domanda risponde l’art. 2423 cc.:

“Gli amministratori devono redigere il bilancio d'esercizio, costituito dallo stato patrimoniale, dal conto economico,  dal rendiconto finanziario e dalla nota integrativa.

Il bilancio deve essere redatto con chiarezza e deve rappresentare in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria della società e il risultato economico dell'esercizio.

Se le informazioni richieste da specifiche disposizioni di legge non sono sufficienti a dare una rappresentazione veritiera e corretta, si devono fornire le informazioni complementari necessarie allo scopo……………”

E veniamo all’argomento del giorno: “GARANZIE PERSONALI - LE FIDEIUSSIONI".

E’ frequente assai che l’amministratore di una società di capitali, oppure un socio, presti una fideiussione agli istituti bancari ove l’impresa ha un conto corrente, onde permettere alla società la concessione di una liquidità per i propri investimenti altrimenti non ottenibile.

Altro caso abbastanza ricorrente, quando una srl start up (non possedendo una credibilità propria agli occhi degli istituti di credito o intermediari in genere - a causa della giovane età) oppure quelle società che non hanno onorato precedenti finanziamenti, chiedano aiuto ai soci o ai parenti dei soci rassicurando così gli operatori del credito circa il garantito adempimento futuro, ottenendo così linee di credito/liquidità per il proprio funzionamento.

Da non trascurare tutti i casi in cui un consorzio fidi garantisca per la società ai fini dell’ottenimento di un finanziamento offrendo garanzie all’istituto di credito erogante.

Ho fatto un sondaggio tra diversi operatori circa l’evidenziazione di questo tipo di garanzie in nota integrativa, considerando che le tali garanzie non transitano dalla contabilità, a differenze delle operazioni di finanziamento oggetto della garanzia medesima e, quindi, non vi è riscontro ne nello stato patrimoniale, ne nel conto economico e ho constatato che l’argomento è spesso ignorato.

vignettalegaranzie 15 giugno
 

Altri intervistati, invece, non le indicavano consapevolmente.

Io credo, invece, che nella nota integrativa è d’obbligo (ex art. 2423 cc) esplicitare questi fatti al fine di dare una rappresentazione “veritiera e corretta della situazione della società”.

Non indicare che soggetti altri hanno garantito per l’ottenimento delle linee di credito citate negli esempi potrebbe indurre terzi a credere che la società abbia una potenzialità patrimoniale e/o reddituale propria superiore a quella reale e, tratti in inganno da questa “maggiore sostanza”, acconsentire alla concessione di linee di credito o altro.

Per tale motivo il mio personale pensiero è che nella nota integrativa devono essere inserite tutte le garanzie dirette o indirette prestate e/o ricevute insieme a queste citate che costituiscono delle garanzie indirette in senso “atecnico”.

Concludo questo articolo evidenziando che, nella ipotesi in cui la società non abbia un patrimonio sociale sufficiente al soddisfacimento dei crediti e il creditore dimostri che se fosse venuto a conoscenza delle garanzie prestate da terzi avrebbe desistito nella sue concessioni o, in alternativa, avrebbe preso ulteriori precauzioni a tutela dei propri interessi,  gli amministratori potrebbero essere destinatari di un’azione di responsabilità sia per l’omissione "fine a se stessa" sia per il disposto dell’art. 378 del codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza (responsabilità degli amministratori).

Per completezza di discorso, le srl che rientrano nei parametri delle microimprese, poichè non sono tenute alla compilazione della nota integrativa, devono ottemperare a quanto detto con l’iscrizione di che trattasi nello stato patrimoniale.

Particolare attenzione devono porre gli amministratori di srl semplificata o a capitale ridotto in quanto, partendo con scarse risorse finanziarie “obtorto collo” devono dotare la società delle risorse necessarie per il suo funzionamento ed è sovente il ricorso a “finanziamento soci” o “richieste di linee di credito a istituti di credito con garanzia personale degli amministratori o dei soci”.

E' appena il caso di evidenziare che, nonostante le garanzie prestate dagli amministratori, dai soci o loro familiari, l'ottenimento dei finanziamenti rientranti nelle tipologie citate, contribuiscono ad elevare lo stato di indebitamento, alterando il rapporto tra capitale proprio e capitale di terzi.

Con questo sistema si potrebbe avere una situazione di "sottocapitalizzazione" aggravando, così, le responsabilità dell'organo amministrativo in una ipotesi di insolvenza irreversibile.

QUALI LE CONSEGUENZE??????

GLI AMMINISTRATORI POTREBBERO RISPONDERE CON IL LORO PERSONALE PATRIMONIO!!!!!!!

Quindi, caro amministratore, fai molta attenzione e, come ci suggerisce la vignetta, metti il naso ovunque per non avere noie e/o dispiaceri.

Potete inviare i Vostri quesiti a: angelo@andriuloweb.it

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    garanziefideiussionebilancio d'eserciziodocumenti contabiliinformazioneart. 2423 c.c.nota integrativaconto corrente bancariosrlstart upconsorzio fidirappresentazione veritiera e correttamicro impresesrl semplificatesrl a capitale ridotto
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nissan lancia X-Trail Salomon in esclusiva per il mercato italiano

    Nissan lancia X-Trail Salomon in esclusiva per il mercato italiano


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.