I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Imprese e Professioni
Fondazione "Donna a Milano". Gli orizzonti della Bellezza a Palazzo Marino

GLI ORIZZONTI DELLA BELLEZZA

La prima giornata milanese dedicata al tema della Bellezza intesa in tutte le sue accezioni è organizzata dalla Fondazione Donna a Milano Onlus  – nata nel 2005 con l’obiettivo di supportare le donne nella realizzazione del loro benessere – con il supporto del Comune di Milano e la sua Amministrazione.

In un momento strategico come quello della Fashion Week, durante la quale centinaia di modelle ci passano accanto per strada trasudando lo stridente contrasto dello stereotipo di bellezza che rappresentano e la bellezza reale della maggior parte delle donne, il convegno sulla bellezza offre nuovi orizzonti sullo stereotipo e sull’educazione al trattamento della bellezza in tutte le sue forme.

COME GIUNGERE DA STEREOTIPO A VERA CONCEZIONE DI BELLEZZA

marino2
 

Nella splendida cornice della prestigiosa Sala Alessi a Palazzo Marino, durante la conferenza stampa di apertura è intervenuta come relatrice la Professoressa Maria Rita Gismondo, Presidente della Fondazione Donna a Milano Onlus, che ha chiarito come la bellezza sia mutevole e come tale mutevolezza ci porti a stereotipi e profili diversi. L’ideale di bellezza nell’antichità era quella di una donna formosa, con curve burrose e morbide. Oggi il prototipo della bellezza è radicalmente opposto, e nella concezione di oggi - esasperata da televisione e ossessione psicologica - non è solo difficile da raggiungere, diventa addirittura ghettizzante. La nostra cultura ha accolto rigidi stereotipi dai quali la maggior parte delle donne si distacca, ma che ossessivamente si prova a raggiungere, giungendo a volte a estreme conseguenze.

VALERIO PERRONE

Ciò viene confermato e rimarcato dal dottor Valerio Perrone, chirurgo plastico, che illustra quante richieste di “correzione” di difetti estetici non vengano dalla reale necessità psicologica o medica del paziente, ma dal profondo disagio sociale e somatico esasperato dalla concezione di bellezza odierna e che rappresenta un equilibrio fragilissimo troppo facile da spezzare. Il dottor Perrone insiste sul fatto che sia necessario per un chirurgo capire di che tipo di disagio si tratti ed eventualmente indirizzare il paziente verso una terapia psicologica. "È fondamentale - dice - non operare le persone che hanno solo disagio psicologico non curato, senza reale necessità medica".

GLI ORIZZONTI CULTURALI

marino1

Ciò che questo convegno si ripropone di mostrare alle persone è che anche se il concetto culturale di bellezza è cambiato e continuerà a cambiare nel tempo, esso rimane variegato negli orizzonti culturali globali. In questo modo si potrà creare una cultura includente, non escludente. Il nostro stereotipo di bellezza non è lo stesso che hanno le persone dall’altra parte del mondo. La bellezza è e deve essere soggettiva, meno stereotipata e più volta a ciò che c’è veramente di bello nelle persone.

O, come ricorda il filosofo e pensatore Umberto Galimberti, anch’egli intervenuto al convegno, “la bellezza si contempla, parlarne è sciuparla. Aristotele ci dice che la filosofia nasce dal dolore e dalla meraviglia”, e ancora “la comtemplazione della bellezza non è costruita attraverso la razionalità creare un’opera d’arte nasce dalla follia”, per arrivare alla citazione di Tommaso D’Aquino “il bello è ciò che piace senza concetti e senza uno scopo”. Come si suol dire, quindi, per dirla in chiave moderna, “non è bello ciò che è bello, è bello ciò che piace”.

Ma cosa è veramente bello?

LA BELLEZZA E' SOGGETTIVA

A questo risponde il Professor James Bradburne, direttore della Pinacoteca di Brera, riassumendo brillantemente il senso tutto dell’intero convegno: non c’è risposta, dice, la bellezza è soggettiva. “Spesso la bellezza corrisponde a un’intenzione, a come vogliamo vedere il corpo di una persona e farne un modello che diventi il nostro stereotipo di bellezza dal quale la realtà si distacca o si avvicina. Anche una cosa imperfetta (purché casuale e non costruita) può essere bella, anzi a volte è più bella. Il vero ideale è l’espressione creata dall’artista. La bellezza cambia tutti i giorni. La bellezza è un terreno minato. È un errore generalizzare, bisogna entrare nella cultura corrente e territoriale, e soprattutto non bisogna mai astrarsi dal flusso del tempo”.

L’identità collettiva, insomma - ovvero la creazione di una cultura comune - è la vera bellezza.

Credits: photo Greta V. Galimberti

Commenti
    Tags:
    fondazione "donna a milano"donna a milanogli orizzonti della bellezzapalazzo marinomaria rita gismondogreta v. galimberti
    in evidenza
    Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

    Paparazzati in un hotel di lusso

    Casaleggio-Sabatini, che coppia
    Mano nella mano in dolce attesa

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

    Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo


    casa, immobiliare
    motori
    DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium

    DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.