I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lampi del pensiero
AstraZeneca e l'iperimmunizzazione letale: così crolla la narrazione egemonica

Cosa sta realmente accadendo con i vaccini anticovid? È l'ineludibile domanda, che nemmeno più i pretoriani dell'ordine costituito possono aggirare. Alla luce degli ultimi eventi, infatti, sembra che la realtà stessa si sia fatta carico del compito di produrre chiarezza in una situazione intricata per ragioni niente affatto neutre. Il susseguirsi ininterrotto di casi problematici, con effetti collaterali e in più episodi addirittura con esito tragico ha portato alla decisione presa dall'aifa: la sospensione dei vaccini di AstraZeneca in tutta Italia. Da quel che sappiamo, decisioni analoghe sono state prese in altri Paesi dell'Unione Europea, come la Francia e la Germania. Insomma, pare sciogliersi come neve al sole la narrazione egemonica: quella che per settimane andava ripetendo che tutto era sotto controllo e che, necessariamente, ogni problema insorto dopo la vaccinazione era un problema indipendente dalla vaccinazione stessa. Colpisce di siffatta logica il rovesciamento integrale che essa opera della stessa logica con cui finora l'ordine del discorso ha presentato i decessi temporalmente successivi rispetto alla contrazione del coronavirus: ogni morto con coronavirus è conteggiato come un morto di coronavirus, mentre ogni morto dopo il vaccino viene conteggiato come un morto indipendentemente dal vaccino. Insomma, la logica del post hoc ergo propter hoc in un caso è accettata in forma totale, nell'altro caso è in forma totale respinta. Ragione vorrebbe ovviamente che si valutasse, in un caso come nell'altro, ogni singolo episodio, vagliandolo con attenzione e a distanza di sicurezza da schemi preordinati dogmaticamente. Ora, la decisione dell'Aifa credo sia di una importanza non trascurabile: ci segnala che, in antitesi con il fanciullesco entusiasmo della cricca dei virologi televisivi superstar, qualcosa con le vaccinazioni non sta andando per il verso giusto. Si tratta a ben vedere della più paradossale e istruttiva lezione che dobbiamo fare nostra del dispositivo immunologico: se, di fronte al pericolo di contagio, non ci si immunizza, si mette in pericolo l'equilibrio della vita; ma si va incontro a un analogo destino se ci si immunizza in forma eccessiva, vuoi mediante le pratiche liberticide dei lockdown, vuoi mediante le ossessioni di una vaccinazione di massa per il tramite di vaccini di cui ora perfino l'Aifa sospende l'uso. Non si tratta naturalmente di essere a priori contro i vaccini, come solo sanno essere sciocche sette di fanatici istintivamente nemici del logos. Si tratta, semmai, di procedere cautamente e con sguardo critico al cospetto di un vaccino che è da poco stato lanciato e che, con tutta evidenza, sta producendo alcuni non trascurabili problemi. Su più fonti, si parla testualmente di trombosi e di problemi di coagulazione. Solo uno sciocco, ad esempio, sarebbe contro l'antitetanica, proprio come solo uno sciocco sarebbe aprioricamente favorevole, senza alcuno spirito critico, a un vaccino lanciato da poco e che sta producendo effetti tali da portare alla sospensione del suo uso ad opera dell'Aifa. L'assenza di immunizzazione e la iperimmunizzazione sono egualmente pericolose, sia pure in forme diametralmente opposte. Una politica che fosse degna di questo nome dovrebbe cercare il delicato equilibrio in grazia del quale l'immunizzazione operi con efficacia, proteggendo la vita, senza rovesciarsi in dispositivo dannoso per il corpo che pure dovrebbe proteggere. L'abbiamo ormai ampiamente inteso: le misure emergenziali finiscono, da ormai un anno, per mettere in scena una forma di immunizzazione che finisce per essere totalizzante e, in ultimo, per produrre effetti opposti rispetto a quelli desiderati.

Diego Fusaro (Torino 1983) insegna storia della filosofia presso lo IASSP di Milano (Istituto Alti Studi Strategici e Politici) ed è fondatore dell'associazione Interesse Nazionale (www.interessenazionale.net). Tra i suoi libri più fortunati, "Bentornato Marx!" (Bompiani 2009), "Il futuro è nostro" (Bompiani 2009), "Pensare altrimenti" (Einaudi 2017).

IMG 20180131 WA0000
 

Commenti
    Tags:
    astrazeneca vaccino aifaastrazeneca vaccino covidastrazeneca blocco vaccino covid
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Chiara Nasti e Zaniolo addio I clamorosi indizi sulla rottura

    Calcio&Gossip

    Chiara Nasti e Zaniolo addio
    I clamorosi indizi sulla rottura

    i più visti
    in vetrina
    How I Met Your Mother: ufficiale lo spin off con Hilary Duff, tutti i dettagli

    How I Met Your Mother: ufficiale lo spin off con Hilary Duff, tutti i dettagli


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Fiat Professional presenta il nuovo E-Ducato,100% elettrico

    Fiat Professional presenta il nuovo E-Ducato,100% elettrico


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.