I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lampi del pensiero
Coronavirus, distanziamento sociale? Potrebbe diventare strumento antisciopero
(fonte Lapresse)

Una cosa è certa, tra tante. Non so quale sia la reale origine del virus, né so se ancora sia possibile sollevare tale dubbio, nella società che ha liquidato il dubbio stesso come fake news e i dubbiosi come complottisti. So, però, che il virus ha privatizzato le esistenze. Ha, cioè, dissolto quella dimensione pubblica del mondo della vita che figurava, a tratti, come un'esistenza superstite nel regno del privato e del concorrenziale. Parchi e spazi pubblici, spiagge e chiese erano, a rigore, una sopravvivenza del comune e del pubblico che non soltanto mal si conciliava con la logica iperprivatistica del "regno dei mercanti", ma che addirittura poteva figurare come il luogo della sua eventuale contestazione.

E ora, invece, ci troviamo a vivere il tempo dell’esistenza privatizzata: ciascuno nella propria dimora. L’ho già sottolineato, è il paradosso irresistibilmente grottesco della open society: che si realizza nell’atomistica delle solitudini chiuse per legge in casa. Chissà per quanto, poi. Si assiste, a tal riguardo, a una duplice tendenza. Da un lato, v’è il discorso del virologo, che, con la mistica del picco, evoca la fine del pericolo, però sempre differendola. E ci pone tutti, in fondo, nella nota posizione dell’asino che insegue la carota. Dall’altro, v’è il discorso del giornalista, che alla mistica del picco tende spesso ad aggiungere un particolare: il rischio di un'emergenza infinita e di un impossibile ritorno alla normalità.

"Non torneremo più alla normalità” (“Il Fatto Quotidiano”, 20.3.20), “alcune cose non torneranno mai più” (“Corriere della Sera”, 21.3.20), “la vita dopo l'emergenza virus non sarà quella di prima” ("La Repubblica", 31.3.20). Difficile, in questo caso, distinguere tra descrizione e prescrizione, tra sanità e politica, tra lotta al virus e lotta di classe. L’emergenza Coronavirus c’è e non va trascurata, sempre elogiando medici e infermieri. Ma v’è anche un altro rischio, e anch’esso non dovrebbe essere trascurato. Il rischio, cioè, che la lotta al Coronavirus diventi anche, presto o tardi, l’alibi per l’instaurazione di un nuovo ordine terapeutico globalista: che, in nome dell’emergenza virus trasformata in emergenza permanente, riplasmi i rapporti sociali del liberismo in chiave nuova e, ça va sans dire, tutta a vantaggio del già avvantaggiatissimo polo dominante.

Il “distanziamento sociale”, che ora è necessario, potrebbe diventare in futuro un nuovo ed efficacissimo metodo di governo: non vi sarebbero più scioperi e manifestazioni, assembramenti e spazi di pubblico dibattito. Ciascuno, come un monaco postmoderno, sarebbe sine die costretto nella sua cella casalinga, in una sorta di clausura epidemiologica coatta. In nome della sopravvivenza, il nuovo docile suddito dello stato terapeutico globalizzato potrà rinunziare a tutto, dalle libertà all'indocilità ragionata della protesta. E il potere potrebbe riprodursi incontrastato, senza opposizione politica e sociale.

Ne scaturirebbe una sorta di società neofeudale iperclassista all’ennesima potenza: in cui la upper class del patriziato cosmopolitico vive la quarantena nelle sue sontuose fortezze con giardino e piscina; e, giù in basso, la moltitudine, il gregge e le nuove plebi sopravvivono a malapena, nei loro monolocali periferici e magari senza balcone. Scenari futuri e solo immaginari, di cui eventualmente ci si occuperà a emergenza finita, diranno alcuni: già, ma non si dimentichi che, se l’ipotesi è plausibile, non vi sarà mai una fine dell’emergenza. E, soprattutto, non si oblii mai il fatto che il capitalismo è sempre più rapido di noi nel riorganizzarsi e nel mutare ogni imprevisto, ogni errore, ogni casualità in cemento che lo rafforza e lo rende più solido.  

Diego Fusaro (Torino 1983) insegna storia della filosofia presso lo IASSP di Milano (Istituto Alti Studi Strategici e Politici) ed è fondatore dell'associazione Interesse Nazionale (www.interessenazionale.net). Tra i suoi libri più fortunati, "Bentornato Marx!" (Bompiani 2009), "Il futuro è nostro" (Bompiani 2009), "Pensare altrimenti" (Einaudi 2017).

IMG 20180131 WA0000
 

 
Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    fake newsdiego fusaro
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Peugeot e-Boxer ordinabile in Italia

    Nuovo Peugeot e-Boxer ordinabile in Italia


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.