I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lampi del pensiero
Riforma dei servizi segreti nel decreto sul Covid. "Troppe cose non tornano"
(fonte Lapresse)

Più volte "don Circostanza" Giuseppe Conte, il Vis-Conte dimezzato giallofucsia, ha ribadito di non agire con il favore delle tenebre. L'ha ripetuto con tanta enfasi e con tanta assiduità da far pensare a molti si trattasse di una excusatio non petita. E infatti tale sembrerebbe a tutti gli effetti. In specie se si considera che ora nel decreto sul Covid compare, inattesa, la riforma dei servizi segreti. Nel famigerato nonché osceno decreto che ha prolungato lo stato di emergenza fino al 15 ottobre, hanno inserito nascostamente e, verrebbe da dire, con il favore delle tenebre, una riforma dei servizi segreti italiani. Lo si è scoperto allorché il decreto è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Su questo punto, non risulta esservi stata alcuna discussione in Aula.

Il decreto ha cambiato le norme in vigore dal 3 agosto 2007, vale a dire la legge 124 che fissava che «la direzione generale del Dis [Dipartimento delle informazioni per la sicurezza] è affidata ad un dirigente di prima fascia o equiparato dell’amministrazione dello Stato, la cui nomina e revoca spettano in via esclusiva al presidente del Consiglio dei ministri, sentito il Cisr [Comitato interministeriale per la sicurezza della Repubblica]. L’incarico ha comunque la durata massima di quattro anni ed è rinnovabile per una sola volta». Adesso Conte e la sua maggioranza color giallofucsia hanno mutato questo passaggio: «Al fine di garantire, anche nell’ambito dell’attuale stato di emergenza epidemiologica dal Covid-19, la piena continuità nella gestione operativa del Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica, alla legge 3 agosto 2007, n. 124, sono apportate le seguenti modificazioni: le parole “per una sola volta” sono sostituite dalle seguenti: “con successivi provvedimenti per una durata complessiva massima di ulteriori quattro anni”».

Cosa vuol dire? Vuol dire che il governo giallofucsia ha garantito ai direttori del Dis, dell’Aise (spionaggio) e dell’Aisi (controspionaggio) un prolungamento di altri quattro anni del proprio ufficio. Perché? Troppe cose non tornano. E non solo da ora, come bene avrete capito.

Diego Fusaro (Torino 1983) insegna storia della filosofia presso lo IASSP di Milano (Istituto Alti Studi Strategici e Politici) ed è fondatore dell'associazione Interesse Nazionale (www.interessenazionale.net). Tra i suoi libri più fortunati, "Bentornato Marx!" (Bompiani 2009), "Il futuro è nostro" (Bompiani 2009), "Pensare altrimenti" (Einaudi 2017).

IMG 20180131 WA0000
 

Loading...
Commenti
    Tags:
    governo contediego fusarouenato
    Loading...
    in evidenza
    Incontrada nuda su Vanity Fair "Messaggio per tutte le donne"

    Costume

    Incontrada nuda su Vanity Fair
    "Messaggio per tutte le donne"

    i più visti
    in vetrina
    Gwyneth Paltrow, via slip e reggiseno: compleanno bollente. FOTO DELLE VIP

    Gwyneth Paltrow, via slip e reggiseno: compleanno bollente. FOTO DELLE VIP


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Peugeot 5008 ordinabile in Italia

    Nuovo Peugeot 5008 ordinabile in Italia


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.