I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lampi del pensiero
Non l’avete ancora capito? Non è un’emergenza temporanea, è la nuova normalità

Più cattivi e più disperati. Così paiono gli uomini a un anno esatto dal cominciamento dell'epidemia legata al coronavirus. Parafrasando Camus, con l'epidemia ciò che cambia realmente siamo noi; noi che stiamo ogni giorno di più perdendo quote della nostra umanità e che, per paura di morire, ci siamo convinti che rinunziare a vivere sia il bene sommo. A molti di noi quasi pare ormai naturale, fisiologico e irrinunciabile portare sempre e comunque una mascherina che copra il volto e il sorriso, oltre che trattare l'altro sempre e comunque come un virus rispetto al quale occorre immunizzarsi. Se a un anno esatto dall'inizio di quella che doveva essere un'emergenza temporanea non avete ancora compreso che si tratta in realtà di una nuova normalità e di un preciso metodo di governo delle cose e delle persone, allora siete decisamente irredimibili. Di più, siete gli schiavi ideali: quelli che amano le proprie catene e che, anzi, ritengono che esse siano salvifiche. Tutti coloro i quali appartengono alla mia generazione hanno indelebilmente scolpiti nella memoria i ricordi dei nonni che raccontavano loro di gesta più o meno eroiche dei tempi della guerra e della Resistenza. Quel che colpisce di quei ricordi e di quei racconti è, più di tutto, la incondizionata disponibilità a sacrificare la vita in nome di un bene maggiore, di volta in volta identificato con la libertà, con la democrazia, con la patria o, in non rari casi, con l'unione indissolubile di queste tre diverse determinazioni. Che cosa racconteremo noi, a nostra volta, ai nostri nipoti quando ci chiederanno del tempo in cui eravamo più o meno giovani? Diremo loro, con orgoglio, che per paura di contagiare e di contagiarci abbiamo sacrificato ogni altro valore? Racconteremo fieri ai nostri nipoti che, per sgominare un pericolosissimo virus dalla letalità dello 0,6 per cento, abbiamo messo in congedo tutte le libertà e le conquiste per le quali i nostri nonni avevano dato la vita? Ci gonfieremo d'orgoglio nel narrare ai nostri nipoti che, per combattere contro un nemico invisibile, abbiamo cancellato i pilastri della nostra civiltà, dagli abbracci alle strette di mano, dalle relazioni sociali all'istruzione in presenza? Saremo davvero soddisfatti di noi nell'enunciare alle nuove generazioni prodezze eroiche come il lockdown e il coprifuoco, i divieti di assembramento degni dei regimi e le delazioni innalzate a motivo di vanto?

Diego Fusaro (Torino 1983) insegna storia della filosofia presso lo IASSP di Milano (Istituto Alti Studi Strategici e Politici) ed è fondatore dell'associazione Interesse Nazionale (www.interessenazionale.net). Tra i suoi libri più fortunati, "Bentornato Marx!" (Bompiani 2009), "Il futuro è nostro" (Bompiani 2009), "Pensare altrimenti" (Einaudi 2017).

IMG 20180131 WA0000
 

Commenti
    Tags:
    lockdown nuova normalità emergenzalockdown normalità emergenzalockdown covid emergenza sanitaria
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Salvini pranza con Francesca "Prendo carne cruda". VIDEO

    Dolce vita romana

    Salvini pranza con Francesca
    "Prendo carne cruda". VIDEO

    i più visti
    in vetrina
    Meteo marzo choc: tornano neve in pianura e gelo dalla Russia. C'è il CRUDO…

    Meteo marzo choc: tornano neve in pianura e gelo dalla Russia. C'è il CRUDO…


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Jeep Gladiator: il ritorno nel segmento dei pick-up

    Nuovo Jeep Gladiator: il ritorno nel segmento dei pick-up


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.