I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lo sguardo libero
Così Putin finisce per credere a sé stesso
Vladimir Putin, ha deciso l’invasione dell’Ucraina, iniziata il 24 febbraio 2022

Per Alessandro Manzoni, a furia di non indignarsi, l’indignazione si annulla

Dopo aver inferto un altro colpo terribile al mondo, già a terra per via del cigno nero della pandemia da Covid 19, avendo sulla coscienza 100.000 soldati uccisi, da entrambe le parti, sia tra russi che ucraini, costringendo otto milioni di ucraini a espatriare, impoverendo il mondo, contribuendo all’inflazione planetaria e via dicendo; spingendo soprattutto i Paesi dello schieramento occidentale a reagire con una guerra giusta  (la democrazia si difende anche con la guerra… la Russia ha invaso uno Stato sovrano… l’Angola non può invadere lo Zambia) e la Cina a entrare in attrito col ricco occidente, adesso Vladimir Putin ha mutato espressione: se  essa fino a qualche tempo fa era quella di colui che si sente accerchiato, oggi è di chi si sente nel giusto, quasi quella di un profeta incompreso (in un bar si direbbe… di un falso).

Lo stesso successe sostanzialmente a Hitler. E, come capitò col pazzo dittatore tedesco, chi sta intorno, si accolga l’eufemismo, all’autocrate di Mosca, finisce anche lui per crederci. Si pensi al ministro degli Esteri Sergej Lavrov, o al portavoce del Cremlino Dmitrij Peskov, un tempo stimati politici in tutto il mondo per la loro cultura e intelligenza. Si lasci perdere il vicepresidente del Consiglio di Sicurezza Dmitrij Medvedev, le cui minacce di far sparire i nemici con la bomba atomica dimostrano quanto non fosse una battuta ciò che si diceva quando fu scelto come presidente della Russia per consentire a Putin, auto-retrocessosi temporaneamente a capo del Governo per mettere in scena un’alternanza di facciata: “Medvedev è stato scelto da Putin per la sola ragione che è l’unico più basso di lui”.

Ancora una volta ha ragione Alessandro Manzoni, che scrive ne “I promessi sposi”: “Gli uomini, generalmente parlando, quando l'indegnazione non si possa sfogare senza grave pericolo, non solo dimostran meno, o tengono affatto in sé quella che sentono, ma ne senton meno in effetto.” E in questo, del resto, anche gli italiani sono maestri: a quanti politici, a furia di non indignarsi, si sono assuefatti fino quasi ad annullare la loro indignazione?

Iscriviti alla newsletter





in evidenza
Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

Politica

Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento


in vetrina
Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"

Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"


motori
Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.