A- A+
Palazzi & Potere
GUALTIERI: AL CAMPIDOGLIO CON UNA SQUADRA COESA E CAPACE

Un uomo solo al comando non basta per affrontare e risolvere i problemi annosi che attanagliano la Capitale. Serve una squadra coesa e preparata che, sulla base di un programma serio, insieme con i cittadini romani e guidata da un sindaco attento conoscitore della realtà della città, dia una scossa positiva all’ambiente capitolino in un momento favorevole come questo dovuto al Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza) che favorirà investimenti anche su Roma. Lo ha detto Roberto Gualtieri, candidato sindaco per la coalizione di centrosinistra, intervenendo all'incontro "Sfogliare Roma" promosso dalla Fondazione Sorgente Group (Istituzione per l'arte e la cultura) e dal quotidiano "Il Foglio" presso la sede museale della stessa fondazione in Lungotevere Avantino. Con lui anche la capolista del Pd al Consiglio comunale, Sabrina Alfonsi, presidente uscente del I Municipio, e Lorenza Bonaccorsi, che il Partito democratico ha candidato alla presidenza del Municipio del centro storico.

Dopo una breve introduzione di Valter Mainetti, presidente della Fondazione Sorgente e di Sorgente Group, Gualtieri ha affrontato, rispondendo alla domande del moderatore dell'incontro, il giornalista Simone Canettieri del Foglio, i vari temi di questa campagna elettorale e ha anche esposto quello che vorrebbe fare se eletto sindaco. Vediamoli punto per punto.

CULTURA - Roma - ha sottolineato Gualtieri - ha un patrimonio artistico, storico, culturale ed ambientale che ha pochi uguali nel mondo, ma questo patrimonio "è poco valorizzato". Per riportarlo alla luce e fare in modo che venga giustamente apprezzato non solo dai turisti, ma anche dai romani stessi, serve "una politica di coordinamento" basandosi molto sulla sussidiarietà tra i vari enti preposti e con l'associazionismo dei privati. "Roma - ha sostenuto - ha tante eccellenze che devono essere collegate in un sistema efficiente. Roma - ha ribadito - non è un posto, sia pure importante, ma un reticolo che la rende una città universale". Quanto al possibile assessore alla Cultura, non si è sbilanciato. "Ogni cosa a suo tempo. Stiamo lavorando - ha detto - alla creazione di una squadra capace, coesa e molto larga. E sceglieremo il meglio per dar vita ad una squadra di eccellenza per una città di eccellenza".

DECENTRAMENTO - Tra i primi impegni del centrosinistra - hanno sottolineato sia Gualtieri che particolarmente la Alfonsi -, in caso di vittoria elettorale,  c'è quello di far approvare dal Consiglio comunale, entro i primi cento giorni dall'insediamento, una delibera per il decentramento in modo che i 15 municipi cittadini diventino 15 comuni metropolitani, con maggiori competenze relative al territorio amministrato, lasciando al Campidoglio il compito di affrontare problemi che interessano l'intera città, come i trasporti e lo smaltimento dei rifiuti.

TURISMO -  Attualmente Roma è interessata da un turismo "mordi e fuggi", ovvero con brevi permanenze, inferiori, a livello europeo, a quelle di Parigi e Londra, ed a livello nazionale, di Milano e Firenze. Per portare i flussi turistici a livelli maggiori, quanto meno alla pari con le altre capitali, bisogna migliorare l'offerta culturale che non è fatta solo di musei e monumenti, ma anche di spaccati cittadini e di valorizzazione delle aree esterne al centro storico. "Bisogna valorizzare le periferie, che custodiscono importanti reperti storici. Tra queste, Ostia antica ed il mare. Spesso si dimentica che Roma ha un mare e un Parco marino molto interessante". A suo giudizio, infine, il sindaco dovrebbe compulsare ogni giorno i dati dei flussi turistici per studiarne l'andamento e come migliorarlo, "come io facevo - ha sottolineato - quando ero Ministro dell'Economia, controllando più volte al giorno l'andamento dello spread". Quanto all'ingresso gratuito nei Musei, per Gualtieri i modelli di Londra e New York non sono ripetibili a Roma per regioni di bilancio. Bisogna però applicare un'equa tariffazione ed integrare i vari musei con la creazione di un'unica rete che li colleghi tra loro. Si dovrà poi agire anche sul decoro urbanistico e sulla presenza fastidiosa ed ingombrante dei "gladiatori romani" nei dintorni del Colosseo e dei saltafila, nonché delle guide turistiche non autorizzate. "No - ha detto Gualtieri - alla disneylandizzazione della città", sottolineando che il degrado cittadino è rappresentato anche dalle incursioni di cinghiali e gabbiani, nonché dall'accumulo di rifiuti. "Ci attende - ha evidenziato - un lavoro enorme". Per questo serve maggiore decentramento e bisogna risollevare "l'orgoglio di essere romani e di lavorare per Roma Capitale". In questo contesto, si deve tutelare il "Marchio Roma", come già fa, per restare in Italia, Milano. In particolare, bisogna potenziare le attività cinematografiche (ha ricordato che per Cinecittà sono stati stanziati 300 milioni di euro).

SERVIZI PUBBLICI - Gualtieri si è detto contrario alla privatizzazione delle municipalizzate, ovvero alla messa a bando dell'assegnazione dei servizi. "Le aziende municipalizzate - ha sostenuto - ci sono in tutta Italia ed in Europa e in quasi tutti i casi funzionano bene". Il problema di Roma è "di gestirle bene per riportarle in attivo. Quindi bisogna rilanciarle e non privatizzarle". E ha fatto due esempi tra loro in contrasto: quello dell'Ama, che ha avuto 8 amministratori delegati in cinque anni ed è in passivo, e quello del Cotral (consorzio trasporti del Lazio) che invece è efficiente. Comunque Gualtieri si è detto molto interessato all'ipotesi delle "multiutility", che potrebbe interessare Acea ed Ama così come l'Atac, Ferrovie dello Stato e altre società di trasporto pubblico. Quanto alle linee metropolitane, il candidato del Pd ha detto che nel suo programma è fissata una cronologia per la portata a termine della Linea C (una vera Fabbrica di San Pietro, ha sottolineato l'intervistatore), che non deve fermarsi a Piazza Venezia, ma incrociarsi con la Linea A. Inoltre deve essere messa in cantiere la Linea D. "Abbiamo perso un sacco di soldi per il potenziamento della metro - ha rimarcato - perché sono mancati i progetti. La cura del ferro - ha aggiunto - è necessaria per una efficace politica dei trasporti". 

POLITICA - Concludendo, Gualtieri ha detto che il Pd romano "è guarito" dai suoi vecchi mali ed ora è protagonista in una vasta e coesa coalizione del centrosinistra. Quanto ai rapporti con il M5S "contiano" e su un eventuale assessore di area pentastellata, l'ex ministro ha sottolineato di avere un buon rapporto con l'ex premier ma ha escluso ogni apparentamento con i cinquestelle e quindi nessun assessorato fuori della coalizione.

Come detto, all'incontro hanno partecipato anche Sabrina Alfonsi e Lorenza Bonaccorsi. La prima ha manifestato il suo impegno per il decentramento ed ha ringraziato i coniugi Mainetti, Valter e Paola, per il sostegno dato al I Municipio con la Fondazione Sorgente, in particolare per la realizzazione della facciata della Scuola elementare Cadlolo, situata di fronte a Castel S. Angelo. La seconda, sottolineando che il I Municipio è grande come Trieste, ha detto di voler continuare sulla linea della Alfonsi in sinergia con Gualtieri sindaco e di aver accettato la candidatura dopo i suoi trascorsi parlamentari perché le piace più la politica amministrativa che quella nazionale.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    roberto gualtieriromaelezioni comunaliroma capitalevalter mainettisorgente groupmainetti
    in evidenza
    Gravidanza e bacio a Rosolino Fede Pellegrini, la verità

    La Divina vuota il sacco

    Gravidanza e bacio a Rosolino
    Fede Pellegrini, la verità

    i più visti
    in vetrina
    E-Distribuzione, il Paradiso Dantesco prende forma sulle cabine elettriche

    E-Distribuzione, il Paradiso Dantesco prende forma sulle cabine elettriche


    casa, immobiliare
    motori
    Volkswagen presenta la nuova Tiguan Allspace

    Volkswagen presenta la nuova Tiguan Allspace


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.