I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Io Uomo tu Robot
Droni di pattugliamento forestale per monitorare i cambiamenti ambientali

I droni sono utilizzati in svariate applicazioni e sono un’innovazione tecnologica in grado di aiutare gli scienziati a comprendere meglio il pianeta, monitorare i cambiamenti ambientali e le attività di protezione e conservazione degli ecosistemi naturali.

Vengono usati anche per trasportare e posizionare dei sensori e la tecnologia sta avanzando rapidamente con il supporto dell'intelligenza artificiale che aiuta a rendere i droni più sicuri attraverso sensori che utilizzano speciali algoritmi informatici per il loro controllo.

Sulla Terra ci sono circa 4 miliardi di ettari di foreste, il polmone verde del Pianeta, che racchiudono il tesoro della biodiversità e in Europa ricoprono più del 40 per cento del territorio. Ospitano i due terzi delle specie terrestri presenti sul pianeta, un patrimonio inestimabile che deve essere tutelato come una risorsa primaria.

I ricercatori dell’Aerial Robotics Lab, Imperial College di Londra, hanno sviluppato droni in grado di collegare sensori agli alberi per monitorare i cambiamenti ambientali ed ecologici nelle foreste.

La tecnologia è descritta nella rivista IEEE Robotics and Automation Letters con il documento di ricerca "Unmanned Aerial Sensor Placement for Cluttered Environments".

Attualmente diversi aspetti delle foreste vengono monitorati tramite sensori wireless che tracciano i movimenti di animali e insetti nelle foreste, monitorando anche la foresta stessa per i cambiamenti di temperatura, umidità e luce e sono di aiuto anche per rilevare gli incendi boschivi. 

L'obiettivo a più lungo termine è quello di utilizzare i droni per creare reti di sensori in grado di raccogliere i dati più significativi riguardanti gli ecosistemi forestali da utilizzare nei progetti di tutela, conservazione e per tracciare biomi difficili da navigare come le foreste pluviali.

Il professor Mirko Kovac, direttore del laboratorio di robotica aerea del dipartimento di aeronautica dell'Imperial, ha dichiarato:

"Il monitoraggio degli ecosistemi forestali può essere difficile, ma i nostri droni potrebbero implementare intere reti di sensori per aumentare la quantità e la precisione dei dati ambientali ed ecologici”.

"Mi piace pensare a loro come abitanti di foreste artificiali che presto veglieranno sull'ecosistema e forniranno i dati di cui abbiamo bisogno per proteggere l'ambiente".

Il problema è il posizionamento di questi sensori che risulta piuttosto difficile in foreste grandi e alte dove occorre arrampicarsi sugli alberi per posizionarli ponendo all’uomo seri rischi.

La foresta è un’ampia estensione di terreno, una formazione disetanea composta da alberi ad alto fusto cresciuti spontaneamente disposti in maniera naturale e per questi ecosistemi i ricercatori dell’Aerial Robotics Lab hanno sviluppato droni in grado di sparare dardi contenenti sensori su alberi a diversi metri di distanza. 

Il  posizionamento dei sensori

Attualmente i sistemi per portare i sensori in un'area specifica con un drone consistono essenzialmente: nel farli cadere a terra oppure utilizzando un drone dotato di un manipolatore in grado di posizionare i sensori in un punto esatto, cosa complicata e rischiosa da raggiungere.

Utilizzando una tecnica innovativa i droni dell’Aerial Robotics Lab, dotati di telecamere per aiutare a identificare i bersagli adatti, attraverso uno specifico meccanismo sono in grado di lanciare  sensori dalla forma di dardo che si attaccano agli alberi in modo stabile. 

Il congegno che serve al lancio del dardo è collocato sulla parte superiore del drone ed è dotato di una molla principale compressa   che immagazzina energia per l'avviamento e una molla in lega a memoria di forma che, una volta applicata corrente, sposta il gancio che trattiene la molla principale. Un meccanismo che consente di fornire al dardo l’energia necessaria   alla sua punta per conficcarsi correttamente e stabilmente nel punto di contatto.

Un meccanismo che consente di distribuire sensori di 30 grammi fino a 4 metri da un bersaglio con una precisione di 10 cm. A una distanza da 1 a 4 metri, il dardo colpisce il bersaglio il 90-100% delle volte.

Questo esclusivo sistema aereo pesa complessivamente 650 grammi e "può eseguire fino a 17 implementazioni con una singola carica della batteria". 

Applicazioni e sfide future

Il prossimo passo è rendere i droni autonomi affinché i ricercatori possano testare come si comportano in ambienti forestali più densi senza la guida umana.

 "Ci sono molte sfide da affrontare prima che i droni possano essere usati regolarmente nelle foreste, come il raggiungimento di un attento equilibrio tra l'input umano e le attività automatizzate in modo che possano essere utilizzato in modo sicuro pur rimanendo adattabile ad ambienti imprevedibili ", André Farinha Department of Aeronautics.

Ciò porterebbe vantaggi per applicazioni industriali impegnative, lavoro scientifico sul campo, città intelligenti e ambienti pericolosi.

I ricercatori hanno testato i loro droni presso i Laboratori federali svizzeri per la scienza e la tecnologia dei materiali (EMPA) e sugli alberi del Silwood Park Campus dell’Imperial.

Fonte: Aerial Robotics Lab, Imperial College London

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    droneintelligenza artificialeforesta
    Loading...
    in evidenza
    Royal family, Megan rivela "Ho avuto un aborto spontaneo"

    "Basta con i tabù"

    Royal family, Megan rivela
    "Ho avuto un aborto spontaneo"

    i più visti
    in vetrina
    Grande Fratello Vip 5, Gregoraci e non solo: i 4 Vipponi e Vippone verso l'addio

    Grande Fratello Vip 5, Gregoraci e non solo: i 4 Vipponi e Vippone verso l'addio


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Opel Grandland X, nuovi allestimenti per il MY 2021

    Opel Grandland X, nuovi allestimenti per il MY 2021


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.