A- A+
Coronavirus
Coronavirus, "traditori" i medici no vax? "Meglio l'appello gentile del Colle"

Caro Michele Serra,
Il 26 marzo lei ha pubblicato sul quotidiano per il quale lavora un articolo “Rivoluzionari a costo zero” dove accusa di diserzione i medici che non vogliono vaccinarsi. Peró, simpaticamente, mi permetto di usare il “tu” così forse riesco ad essere più diretto. Michè mannaggia a te. Una vita che ti seguo, spesso apprezzo l’arguzia dei tuoi ragionamenti, e poi mi scivoli su quel tuo “Rivoluzionari a costo zero” dove accusi di diserzione i medici che non vogliono vaccinarsi. E li accusi pure di "indossare a tradimento una uniforme che non è la loro".

Michè se ci ritieni indegni di indossare il camice bianco nel servizio sanitario nazionale forse non hai capito che più si indebolisce il servizio pubblico e più i cittadini devono mettere le mani nel proprio portafoglio per pagarsi quella sanità privata che non è proprio nella disponibilità economica di tutti. Michè, ma proprio tu, che hai avuto un passato nei radicali e negli antiproibizionisti, mi diventi paladino di una campagna non di informazione ma di coercizione e di imposizione arrivando a scrivere che i medici se ne stanno col culo al caldo a spillare lo stipendio ad un padrone, lo Stato, che dimostrano di disprezzare?

Michè, allora mi preoccupo, ma mi preoccupo per te non per me. Perchè vedi Michè sarebbe facile dirti che io, da medico del servizio sanitario pubblico, non ho un “padrone” come scrivi tu ma un datore di lavoro al quale sono legato da un contratto. E bada Michè che non sto parlando di dovere professionale, di deontologia e di etica perchè queste cose fanno parte della mia vita quotidiana e di quella della stragrande maggioranza dei medici che conosco.

La questione è un’altra Michè. Io non piego l’etica alla rivoluzione perchè in ogni rivoluzione c’è chi perde la testa ghigliottinato. Io la rivoluzione proprio non la voglio fare perchè, credimi, non c'è n'è bisogno. La stragrande maggioranza dei medici che conosco sono vaccinati e anche il sottoscritto si è vaccinato. Avevo molti dubbi Michè ma una sera ho sentito in televisione l’appello all’etica professionale fatto da un Signore coi capelli bianchi che fino al prossimo anno, e purtroppo solo fino al prossimo anno, abiterà in un palazzo che i romani definiscono il Colle.

Michè quel Signore, e lo scrivo in maiuscolo perchè lo riconosco tale al di là del ruolo istituzionale che ricopre, mica ha urlato, mica ha minacciato, mica ha dato del traditore o del vigliacco ai camici bianchi che non si vaccinano. No Michè, quel Signore si è appellato alla deontologia e al buon senso.

(Segue...)

Commenti
    Tags:
    coronavirusterapie intensive
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    I ristoranti riaprono all'aperto E la pipì dietro un cespuglio?

    Covid vissuto con ironia...

    I ristoranti riaprono all'aperto
    E la pipì dietro un cespuglio?

    i più visti
    in vetrina
    How I Met Your Mother: ufficiale lo spin off con Hilary Duff, tutti i dettagli

    How I Met Your Mother: ufficiale lo spin off con Hilary Duff, tutti i dettagli


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Fiat Professional presenta il nuovo E-Ducato,100% elettrico

    Fiat Professional presenta il nuovo E-Ducato,100% elettrico


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.