A- A+
Coronavirus
Covid, chi è più a rischio? La risposta è in 13 regioni del DNA

Covid, chi è più a rischio: uno studio internazionale ha scoperto una correlazione tra 13 sezioni del DNA e una maggior possibilità di contrarre il Coronavirus

Perché alcune persone hanno un rischio più alto di contrarre il Covid-19 rispetto ad altre? La risposta potrebbe arrivare da uno studio sul DNA pubblicato oggi su Nature. La ricerca avrebbe infatti individuato 13 punti del genoma umano che sono fortemente associati al rischio di infezione da Coronavirus e alla gravità della malattia. Inoltre, ci sono alcuni sintomi a cui fare attenzione per verificare di non essere stati contagiati dalla variante Delta.

La ricerca è in realtà un progetto di collaborazione internazionale che ha coinvolto oltre 3.500 scienziati e che racchiude in sé ben 61 altri studi provenienti da 25 Paesi. Per la raccolta dei dati sono stati presi in considerazione quasi 50mila pazienti affetti da Covid.-19 e sono stati effettuati ben 2 milioni di controlli su pesone sane. Per quanto riguarda l'Italia, al progetto hanno partecipato i tre atenei milanesi del'Humanitas, Università degli Studi e Bicocca.

Covid, chi è più a rischio: ecco i marker genetici legati a rischio e gravità della malattia

I ricercatori hanno scoperto 13 parti di DNA che sono associate a un maggiore rischio di contrarre il Covid-19 e di sperimentare i sintomi gravi della patologia. Due di queste sezioni hanno frequenze più elevate nei pazienti dell'Asia orientale e meridionale rispetto a quelle europee. Uno in particolare è prossimo al gene Foxp4, collegato al cancro al polmone. Inibire questo gener potrebbe portare a una nuova cura contro il Covid-19. Altri geni come Dpp9 e Tyk2 sono invece associati rispettivamente al tumore al polmone e a malattie autoimmuni. 

"Abbiamo avuto molto più successo rispetto a esperienze passate nel comprendere il ruolo della diversità genetica perché abbiamo partecipato ad uno sforzo concertato per raggiungere le popolazioni di tutto il mondo", ha dichiarato Stefano Duga, ricercatore di Humanitas e docente di Biologia molecolare di Humanitas University - Il lavoro da fare è ancora molto, ma siamo sulla strada giusta per comprendere meglio questa malattia".

Commenti
    Tags:
    covid chi colpiscecovid chi è più rischiochi è più a rischio covidcovid-19coronaviruscovid dna
    in evidenza
    "La borsa di Chanel irrinunciabile. La moda? Oggi inorridisco per..."

    Zorzi torna su discovery con Tailor Made. La video-intervista

    "La borsa di Chanel irrinunciabile. La moda? Oggi inorridisco per..."

    i più visti
    in vetrina
    Scatti d'Affari Banca Generali: presentati gli scatti relativi all’SDG numero 2 “Fame zero”

    Scatti d'Affari
    Banca Generali: presentati gli scatti relativi all’SDG numero 2 “Fame zero”


    casa, immobiliare
    motori
    Nuova DS 7, eleganza e comfort in un’unica vettura

    Nuova DS 7, eleganza e comfort in un’unica vettura


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.