A- A+
Coronavirus
Covid, estate 2021 sarà più libera, contagi giù. Parola di Brusaferro

Covid, estate 2021 sarà più libera, contagi giù. Parola di Brusaferro

CORONAVIRUS: BRUSAFERRO "CURVA IN DISCESA, L'ESTATE SARÀ PIÙ LIBERA" - "In questa fase la curva dell'epidemia mostra finalmente segnali di decrescita. Abbiamo guadagnato uno spazio per riaprire qualcosa ed e' la scuola. Continuiamo cosi' per guadagnare altri spazi". Ad affermarlo, in un'intervista al Corriere della Sera, e' Silvio BRUSAFERRO, presidente dell'Istituto superiore di sanita', portavoce del Cts - Comitato tecnico scientifico. "La scuola - sottolinea - e' sempre stata una priorita' non solo in Italia. Anche l'Oms ha attivato un tavolo di lavoro su questo tema. In situazioni in cui l'incidenza e' elevata si deve ricorrere alla didattica a distanza, pero' rendere possibile ai ragazzi il ritorno sui banchi e' l'obiettivo principale. Un elemento importante e' l'eta'. Nelle fasce piu' giovani l'infezione circola meno e c'e' minore rischio di trasmissione agli adulti. E' un argomento di dibattito a livello internazionale. Gli studi ci dicono che sono importanti le misure di prevenzione nella didattica in presenza e che per evitare l'aumento dell'incidenza serve uno stretto controllo sulle attivita' che girano attorno alla scuola, prima e dopo".

 "Ora - spiega - ci sono i segnali che la curva possa cominciare a scendere nelle prossime settimane, non dimenticando mai che fondamentali restano la sorveglianza e i controlli, non ci stancheremo mai di ripeterlo". "A questo - prosrgue - si aggiunge la vaccinazione del personale scolastico. Un ulteriore fattore favorevole a una riapertura permanente. Si spera di non dover piu' tornare indietro". "Stanno emergendo test diagnostici sempre nuovi ma prima vanno validati sul campo e inseriti in programmi specifici - aggiunge -. Alcune regioni hanno cominciato con studi pilota. E' presto per decidere, servono maggiori evidenze per capire quale potrebbe essere l'impatto di questi strumenti. E' un progetto su cui lavorare, aspettiamo i dati".

"La crescita dell'incidenza si e' fermata, ora siamo a 247 casi ogni 100 mila abitanti rispetto ai 270 su 100 mila della settimana precedente - evidenzia BRUSAFERRO -. Osserviamo un lieve calo dell'Rt, da 1.16 a 1.08. Ma siamo ancora sopra l'unita', mentre per iniziare a essere piu' tranquilli dovremmo arrivare a un valore significativamente inferiore a 1. La prossima settimana ci aspettiamo che la curva scenda ancora. C'e' una grande differenza tra regioni. Il traguardo e' arrivare sotto i 50 casi ogni 100 mila abitanti. Al momento in alcuni territori sembra lontano, invece e' raggiungibile". "Andiamo verso la stagione calda dove sara' piu' facile restare all'aperto - aggiunge - e questo favorira' il rallentamento della trasmissione, sempre mantenendo distanziamento, mascherina e igiene delle mani. Possiamo pero' pensare a periodi di vacanza dove potremmo concederci qualche liberta' in piu' facendo tesoro della lezione imparata la scorsa estate, vissuta un po' troppo allegramente". 

COVID: INFETTIVOLOGO CAUDA, 'CON 60% IMMUNIZZATI SARA' UN'ESTATE QUASI NORMALE'

"A giugno potremo tornare in vacanza. Restando prudenti, usando le mascherine, sia chiaro. E velocizzando il ritmo delle vaccinazioni". A parlare è Roberto Cauda, direttore dell'Unità operativa di Malattie infettive del Policlinico Gemelli di Roma in un'intervista al 'Il Messaggero'. "Rispetto all'estate 2020, abbiamo un'arma in più - aggiunge - i vaccini. Di fatto il governo ci sta chiedendo un mese supplementare di sacrifici, aprile". Ma cosa dobbiamo aspettarci per l'estate? "Tutti noi vogliamo conoscere il futuro, è un bisogno di natura psicologica, profondo. Affidiamoci ai fatti - ricorda Cauda - abbiamo imparato dal passato che il lockdown porta sicuramente risultati dal punto di vista epidemiologico, ma non può durare per sempre. Serve un colpo di reni. E mi sembra di vederlo. Il mio non è ottimismo, ma realismo. Abbiamo la vaccinazione anti Covid già avviata". C'è chi teme risultati deludenti. "Sbaglia. E non hanno neppure molto senso le polemiche sull'efficacia dei vaccini, il 70,l''80, il 90%. In realtà i prodotti che stiamo utilizzando sono tutti buoni e sicuri - osserva Causa - Hanno superato l'esame dell'Ema (l'agenzia europea del farmaco) e di Fda (l'agenzia americana). Ed è giusto guardare con interesse anche a Sputnik V, la sperimentazione allo Spallanzani in questo senso può essere utile. Consideriamo pure quelli cinesi, a me la geopolitica francamente non interessa. Infine, prosegue la sperimentazione per ReiThera, il vaccino italiano. Avremo molte opzioni contro il Covid".

Commenti
    Tags:
    covidcovid italiaestate 2021estate italiabrusaferrobrusaferro covidbrusaferro estate
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Il vaccino preferito dagli italiani? Pfizer? Ma va: l'Acqua di Lourdes

    Covid vissuto con ironia

    Il vaccino preferito dagli italiani?
    Pfizer? Ma va: l'Acqua di Lourdes

    i più visti
    in vetrina
    Elisabetta Canalis, zip della tuta giù: scollatura da infarto. Maddalena Corvaglia senza reggiseno

    Elisabetta Canalis, zip della tuta giù: scollatura da infarto. Maddalena Corvaglia senza reggiseno


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Seat Arona, nuovo look e interni rinnovati

    Seat Arona, nuovo look e interni rinnovati


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.