A- A+
Coronavirus
Lockdown dal 9 novembre per 4 settimane. Ecco che cosa resterà aperto
Coronavirus, la zona rossa nel Lodigiano

Il dado è tratto. La curva epidemiologica non accenna a scendere, anzi, continua a crescere. Ci sono cinque Regioni, tra le quali ovviamente la Lombardia e la Campania (ma la situazione Covid-19 è particolarmente grave anche in Umbria), che ormai, quasi sicuramente, andranno in lockdown modello francese per quattro settimane a partire da lunedì 9 novembre.

Il Cts insiste e chiede misure più restrittive rapidamente, soprattutto in alcune zone del Paese, per evitare di tornare all'emergenza di marzo e per cercare di frenare la continua crescita di ricoveri soprattutto in terapia intensiva. A Roma, al ministero della Salute e anche a Palazzo Chigi, al momento preferirebbero una chiusura a macchia di leopardo, concentrata quindi sulle aree più colpite dalla seconda ondata del coronavirus.

Le Regioni più bersagliate dal Covid-19, Lombardia e Campania in testa, premono invece per restrizioni che riguardino tutto il territorio nazionale. Alla fine la decisione sarà politica e tutto dipenderà dall'andamento dei positivi e dei ricoveri nei prossimi giorni.

Che sia per tutta Italia o per almeno cinque Regioni, il secondo lockdown dovrebbe essere molto simile a quello entrato in vigore oggi in Francia: aperte le scuole fino alle medie (didattica a distanza al 100% per le superiori), aperti uffici, aziende, supermercati e farmacie. Smart working più alto possibile nella Pubblica Amministrazione e forte invito alle imprese private a favorire al massimo il telelavoro. Chiusi tutto il giorno, e non più dalle 18 come è adesso, bar, ristoranti e pizzerie (consentito solo l'asporto). Rischio saracinesca abbassata anche per i parrucchieri, graziati dall'ultimo Dpcm del premier Giuseppe Conte.

Un altro punto chiave sarà il ritorno dell'autocertificazione per poter circolare, già in vigore adesso in Lombardia dalle 23 alle 5, e che sarà necessaria per l'intera giornata, proprio come in primavera. In sostanza, si potrà uscire di casa solo per lavoro, motivi sanitari e comprovate ragioni di necessità. Molto probabile anche la chiusura dei confini regionali e il divieto di recarsi nelle seconde case. Su questo punto potrebbe anche esserci una chiusura parziale relativamente alle città metropolitane di Milano e Napoli, lasciando per ora aperta la circolazione nelle altre zone del Paese.

Garantiti i servizi di assistenza e di cura per le persone (soprattutto minori e bambini) con disabilità, proprio come ha fatto Macron in Francia e per evitare la grave discriminazione subita con il lockdown di marzo-aprile. Allo studio, qualora la chiusura fosse per tutta Italia, anche il divieto di lasciare il proprio comune di residenza se non per motivi di lavoro, salute e necessità. Previsto anche un rafforzamento dei controlli da parte delle forze dell'ordine e un inasprimento delle sanzioni.

Loading...
Commenti
    Tags:
    lockdown italiacovid lockdownsecondo lockdownlockdown quando
    Loading...
    in evidenza
    Connery e Proietti, poi Maradona Non sarà l'ora di qualche politico?

    L'ironia del web

    Connery e Proietti, poi Maradona
    Non sarà l'ora di qualche politico?

    i più visti
    in vetrina
    Grande Fratello Vip 5, entra uno sportivo gay per Tommaso Zorzi. Rivelazioni

    Grande Fratello Vip 5, entra uno sportivo gay per Tommaso Zorzi. Rivelazioni


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ferrari 488 GT Modificata, nata per le competizioni

    Ferrari 488 GT Modificata, nata per le competizioni


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.