A- A+
Coronavirus
Obbligo vaccino antinfluenzale senza conoscere nome del virus. Che senso ha?

Riceviamo e pubblichiamo da un nostro lettore-medico

"Il quesito in fondo banale, ma non considerato dai più, di un medico costretto quest'anno da un'ordinanza del Presidente della propria Regione a sottoporsi a vaccinazione antinfluenzale, pena un'ammenda fino a 5000 euro: sarebbe almeno possibile, come sempre fatto, conoscere il nome del virus responsabile dell'attuale influenza annuale?

Due anni consecutivi ormai in cui gli operatori sanitari sono costretti a vaccinarsi, ma non tenuti a sapere contro cosa si vaccinano! Possibile che la normale influenza stagionale che procurava globalmente ogni anno da 350 milioni a un  miliardo di casi sia sparita come d'incanto da ormai due anni?

Buona e rassicurante la teoria che le mascherine impediscono la diffusione del virus di turno, ma a maggior ragione allora perché costringere con pesante ammenda alla vaccinazione contro un agente patogeno che non circola più o quasi?"

Commenti
    Tags:
    covidvaccino obbligatorio





    in evidenza
    Federico Chiesa e il fuoriprogramma con i fan prima di sposarsi

    Autografi e selfie

    Federico Chiesa e il fuoriprogramma con i fan prima di sposarsi

    
    in vetrina
    Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

    Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


    motori
    Mercedes GLA ed EQA: motore termico vs. elettrico e la strategia di transizione di Mercedes-Benz

    Mercedes GLA ed EQA: motore termico vs. elettrico e la strategia di transizione di Mercedes-Benz

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.