A- A+
Coronavirus
Omicron, Sileri: "Raggiungerà quasi tutti italiani. Presto regole alleggerite"
Pierpaolo Sileri (Lapresse)

"Omicron, a breve la distinzione fra positivi e malati"

Mentre l’Oms certifica che “l’Italia si sta avvicinando al picco” della variante omicron, sono in arrivo nel nostro Paese nuove regole per la gestione del virus. Lo ha anticipato a Domenica In su Rai1, il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri, secondo cui "la nuova fase dell'epidemia deve portarci entro breve a rivedere le regole soprattutto per la gestione degli ospedali". "Questa variante omicron raggiungerà tutti, non c'è scampo. Non c'è dubbio che entro la fine del 2022, salvo un'altra variante, quasi tutta la popolazione bene o male incontrerà questa variante”, ha aggiunto Sileri, secondo cui “dovremo convivere con quella che sarà poi la sua variante dominante, non so se sarà la Omicron.

"Le regole verranno alleggerite, credo molto presto, vediamo adesso come andranno i contagi. Oggi con questa nuova variante si può distinguere con più facilità un positivo e un malato. Se sei vaccinato sei più protetto. Ma chi non lo è - ha concluso - ha molti più rischi di andare in terapia intensiva". “Vediamo come vanno i contagi: c'è una distinzione tra positivo e malato, con la nuova variante si può fare con facilità. I positivi non sono malati, e se le persone sono vaccinate e quindi più protette il virus può essere più leggero".

"La comunicazione dei dati deve essere aggiornata”, ha aggiunto Sileri che ha quindi ribadito di essere d'accordo con la trasmissione del bollettino quotidiano ma in modo più dettagliato: "E' giusto dare il dato ma deve essere dettagliato ed i numeri vanno spiegati. In questo momento - ha concluso - non è il positivo che conta ma il soggetto che va in ospedale, scomponendo però chi vi entra per altri motivi".

Intanto, l’Oms ha confermato che “in paesi come l'Italia e la Grecia ci stiamo avvicinando moltissimo al picco" della variante omicron. La conferma è arrivata dal direttore dell’Organizzazione in Europa Hans Kluge intervenuto a “Mezz'ora in più" su Rai 3. E’ "molto probabile - ha sottolineato infatti Kluge - che il picco in Europa arrivi prima di quanto previsto", ossia "entro 2-3 settimane". Kluge ha poi lodato la strategia del governo e del ministro della Salute Roberto Speranza contro la pandemia. "La strada seguita dall'Italia è quella giusta, con le vaccinazioni, le terze dosi, le mascherine", ha detto, sottolineando poi che le "scuole devono essere le ultime a chiudere".

Omicron fa volare i contagi nel mondo. Gli Usa i più colpiti

Trainata dalla variante omicron, a detta degli esperti molto più trasmissibile della delta, ma meno letale, la pandemia continua a mietere vittime e dilaga in quasi tutti i Paesi del mondo: il bilancio complessivo è di oltre 321,2 milioni di contagiati, con un incremento di 786mila casi nelle ultime 24 ore, più di 5,5 milioni di morti e 264 milioni di guariti, con 51,3 milioni di attualmente positivi.

Proprio l'ultima variante del Covid, che dal mese scorso ha fatto scattare di nuovo l'allarme globale - con alcuni governi che per frenare il virus hanno di nuovo imposto ai loro cittadini restrizioni modello lockdown del 2020 - ha fatto schizzare in alto i contagi, come si evince dal portale 'statistichecoronavirus.it', che fornisce dati aggiornati sull'andamento della pandemia nei cinque continenti.

Stando all'ultimo update di venerdì e dai grafici disponibili, è chiaro che dall'inizio della pandemia la curva dei contagi segue una crescita costante, tuttavia con un'impennata ben evidente dalla seconda metà di dicembre causata proprio dalla diffusione di omicron. Negli ultimi giorni in particolare l'aumento dei casi è sempre stato superiore al milione. Al contrario di quello che si potrebbe pensare, la curva che indica i decessi nelle ultime settimane non segue i livelli di crescita di quella dei contagi, ma è leggermente più piatta.

A guidare la classifica degli Stati con più casi diagnosticati, come accade praticamente dall'inizio della pandemia, sono gli Usa con 64 milioni, seguiti dall'India con 36 milioni e la Russia con 22 milioni. Il primo Stato europeo che si incontra in questa 'classifica' è il Regno Unito con più di 15 milioni di infezioni, mentre l'Italia con 8,1 milioni è all'ottavo posto, dietro a Turchia e Russia, ma davanti a Spagna e Germania.

(Segue...)

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    contagicovid-19pierpaolo silerivariante omicron
    in evidenza
    CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

    Pnrr e opportunità per le Pmi

    CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, Italia nella morsa del caldo africano di Hannibal, picchi fino a 34°C

    Meteo, Italia nella morsa del caldo africano di Hannibal, picchi fino a 34°C


    casa, immobiliare
    motori
    Volkswagen presenta i nuovi suv ID.5 e ID.5 GTX coupé 100% elettrici

    Volkswagen presenta i nuovi suv ID.5 e ID.5 GTX coupé 100% elettrici


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.