A- A+
Costume
Chantecler, nel 2018 fatturato da 18 milioni di euro
Foto Instagram

“Abbiamo privilegiato la qualità del fatturato a discapito del volume”: così il Presidente di Chantecler, Gabriele Aprea, al timone dell’azienda con le sorelle, Maria Elena, Costanza, e la moglie Teresa, commenta i risultati economici 2018. L’esercizio è stato chiuso con una lieve riduzione del fatturato, realizzando però un incremento degli utili e una significativa riduzione dell’indebitamento.

Con 18 milioni di fatturato, Ebitda pari al 12%, Chantecler, membro di AIDAF e di Altagamma, negli ultimi anni è divenuto sempre più un esempio di resilienza per il settore orafo italiano, caratterizzato da un elevato grado di frammentazione e da un “nanismo” che ne minaccia la continuità. La sede di Chantecler è ora a Milano, con un polo produttivo a Valenza, una boutique a Capri, Milano e Tokyo, a cui si aggiunge una rete di selezionatissimi Partners in Italia e all’ Estero.

La storia - Nel mondo del lusso, dominato dai grandi gruppi internazionali, Chantecler è una delle P.M.I. italiane che resiste e guarda al futuro con fiducia. Impresa di famiglia, forte di una storia affascinante, per oltre settant’anni ha preservato e perpetuato nel tempo un’eredità unica, legata ai suoi fondatori, Salvatore Aprea e Pietro Capuano.

Icona del Brand, la Campanella, ancora oggi mantiene inalterato il suo successo. Capostipite di questa dinastia di Talismani-gioielli fu una Campana in Bronzo dorato che, ispirata alla leggenda di San Michele, fu donata al Presidente americano Roosevelt come porta fortuna per la fine della 2’ guerra mondiale.

L’ Isola di Capri è il teatro della nascita e della prosperità di questo Brand che riesce a trasformare in gioielli la sua energia, i suoi colori e i suoi profumi dando vita a qualcosa di straordinario e di unico.

Oggi, Chantecler mantiene quella meticolosa attenzione ai dettagli che sono tipiche della tradizione delle imprese familiari italiane, a cui ha saputo aggiungere l’approccio manageriale dei gruppi internazionali del lusso, preservando i forti valori di Etica e di Responsabilità.

Il presidente Gabriele Aprea è anche alla guida del Club degli Orafi Italia, istituzione milanese ultra trentennale che raggruppa alcuni tra i nomi di spicco delle imprese internazionali della filiera.

Cultura d’ Impresa, Cultura di Mestiere” rappresentano la “Mission” del Club, che viene declinata attraverso la “Club degli Orafi Academy”, in un calendario di incontri dove si divulgano le “Best Practice” necessarie a competere nel terzo millennio.

 

Chantecler, da Capri nel mondo, conciliando passato presente e futuro con un’unica vocazione: l’ infinita passione e cultura del Bello.

Commenti
    Tags:
    salvatore apreapietro capuanochanteclerchantecler risultati economici 2018
    in evidenza
    Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

    Esportazioni

    Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

    i più visti
    in vetrina
    Scatti d'Affari Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli

    Scatti d'Affari
    Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli


    casa, immobiliare
    motori
    Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

    Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.