A- A+
Costume
MUA, le labbra robotiche che danno baci a distanza dal telefono

Dalla Cina arriva MUA, il dispositivo in grado di dare i baci a distanza via smartphone

I baci a distanza ora si possono sentire a fior di labbra. Dalla Cina arriva MUA, il dispositivo robotico in silicone che permette alle persone di baciarsi, nonostante siano separate. Zhao Jianbo, ex studente di cinema, è l'iventore.

MUA, ecco come è nato il dispositivo

Durante il lockdown, Zhao Jianbo era uno studente dell'Accademia del Cinema di Pechino e ha portato avanti il suo progetto di laurea proprio sulla mancanza di intimità fisica nelle videochiamate. Terminata l’università ha avviato un’azienda, che il 22 gennaio di quest'anno ha lanciato il primo di questi dispositivi, al prezzo di 260 yuan (circa 35 euro).

Zhao Jianbo commenta in una nota: "Avevo una relazione, ma non potevo incontrare la mia ragazza a causa delle misure di restrizione".

LEGGI ANCHE: Covid, la scuola dice addio alla Dad. Positivi a casa ma senza lezioni online

MUA, come funziona il dispositivo

MUA è in grado di inviare a distanza i baci degli utenti inviando i dati raccolti attraverso sensori di movimento nascosti nelle labbra in silicone. Queste si muovono simultaneamente durante la riproduzione dei baci ricevuti.

Per rendere l’esperienza più realistica il dispositivo, disponibile in diversi colori, ma con le stesse labbra unisex, è connesso alla porta di ricarica dello smartphone usato per le videochiamate, cattura e riproduce anche il suono e si riscalda leggermente durante il bacio. Gli amanti lontani a questo punto non hanno che da attivare le labbra tramite l'app e, quando vengono baciate, queste ricambiano il bacio.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bacicinalabbra robotichemua





in evidenza
Elodie-Annalisa per reggere l'urto del post-Amadeus. E poi...

Carlo Conti a Sanremo

Elodie-Annalisa per reggere l'urto del post-Amadeus. E poi...


in vetrina
Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey

Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey

motori
Concept Mercedes-AMG PureSpeed: il futuro delle Hypercar Mythos

Concept Mercedes-AMG PureSpeed: il futuro delle Hypercar Mythos

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.