A- A+
Cronache
Takata, airbag difettosi e incidenti. Auto sicura: ecco come verificarlo
Airbag CAr

Takata e lo scandalo degli airbag difettosi

A 15 anni dai primi casi di gravi incidenti causati da airbag difettosi, lo scandalo legato all'azienda giapponese Takata continua a preoccupare il mondo dell'automobilismo. L'ultima azione di richiamo, avvenuta il 17 maggio 2024, ha interessato circa 600mila automobili dei modelli Citroën C3 e DS3, prodotte tra il 2009 e il 2019. Queste auto montano un tipo di airbag che sarebbe responsabile della morte di almeno 27 persone negli Stati Uniti e di oltre 400 feriti. Lo scrive la Gazzetta dello Sport.

Gli esordi controversi della Takata

Nata negli anni '90, Takata ha iniziato a produrre airbag più piccoli e economici rispetto a quelli disponibili sul mercato, diventando così la scelta preferenziale di molte case automobilistiche. Tuttavia, già nei primi anni 2000 emergevano sospetti riguardo la sicurezza di questi dispositivi, quando alcuni incidenti rivelarono danni ai conducenti causati da esplosioni violente degli airbag in condizioni apparentemente non severe.

LEGGI ANCHE: Citroën richiama 600.000 veicoli per airbag difettosi

Una problematica legata al nitrato di ammonio

La causa principale dei guai per Takata risiede nell'utilizzo del nitrato di ammonio come agente esplosivo negli airbag. A differenza del più comune e costoso tetrazolo, il nitrato di ammonio può diventare estremamente instabile in ambienti caldi e umidi, senza un adeguato agente essiccante. Questa instabilità può portare alla violenta esplosione della bomboletta che contiene il gas, provocando, in alcuni casi, il lancio di schegge metalliche verso i passeggeri.

Inchieste e conseguenze finanziarie

La tragedia legata agli airbag Takata ha innescato una serie di inchieste da parte della Nhtsa, l'ente americano per la sicurezza dei trasporti, che hanno portato al richiamo di milioni di veicoli appartenenti a undici diversi produttori automobilistici, tra cui Honda, Ford, BMW, Mazda, Citroën e Toyota. Il peso economico di questi richiami è stato enorme, culminando nel fallimento di Takata nel 2017, con debiti per 8 miliardi di euro e 46.000 dipendenti lasciati senza lavoro.

Come verificare la presenza di airbag difettosi

Di fronte al crescente numero di airbag sostituiti, che soltanto negli USA ha raggiunto quota 45 milioni, emerge la necessità per i proprietari di auto di verificare la presenza di dispositivi difettosi nei propri veicoli. Questo può essere fatto consultando i siti ufficiali delle case costruttrici o seguendo le istruzioni fornite in caso di ricezione di un avviso di richiamo.

La vicenda Takata rimane una dolorosa lezione sull'importanza della sicurezza nei mezzi di trasporto e sulle potenziali conseguenze devastanti di scelte produttive guidate esclusivamente dal risparmio economico a scapito della qualità e dell'affidabilità.

Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Fini-Tulliani, il matrimonio è finito: tutta colpa della casa di Montecarlo. Rumor

L'accusa di tradimento è stata la mazzata finale

Fini-Tulliani, il matrimonio è finito: tutta colpa della casa di Montecarlo. Rumor


in vetrina
Il miele italiano sta scomparendo: il clima pazzo manda in crisi le api

Il miele italiano sta scomparendo: il clima pazzo manda in crisi le api





motori
La nuova CUPRA Formentor: l’evoluzione del successo nel segmento SUV coupé

La nuova CUPRA Formentor: l’evoluzione del successo nel segmento SUV coupé

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.