A- A+
Cronache
Caso Palamara, "Gratteri è un fascista e Minniti un leccac...". Il nuovo libro

Caso Palamara, "La magistratura di sinistra difendeva Mimmo Lucano"

Luca Palamara torna a parlare e lo fa attraverso un nuovo libro scritto a quattro mani con il direttore di Libero Alessandro Sallusti, in cui rivela nuovi fatti inediti sul mondo della magistratura. L'ex togato chiama in causa un collega che si è occupato del caso di Mimmo Lucano, l'ex sindaco di Riace condannato a 13 anni di carcere per una serie di reati: associazione a delinquere, truffa, falso e abuso d'ufficio. "Il giudice della Corte d'Appello di Catanzaro Emilio Sirianni - rivela Palamara nel suo libro "Lobby e logge" - è uno dei duri e puri della corrente Magistratura democratica, quella di sinistra. Sirianni era amico di Lucano, più che amico durante l'inchiesta era diventato il suo consulente legale e politico. Quindi il tribunale di Locri indagava e quello di Catanzaro lo difendeva. E' stato Sirianni a redarre le controdeduzioni e le note difensive e a suggerire il tenore delle dichiarazioni da rendere alla stampa".

"La procura di Locri - prosegue Palamara e lo riporta Libero - ha archiviato la pratica Sirianni pur mettendo nero su bianco che il comportamento mantenuto è stato poco consono a una persona appartenente all'ordine giudiziario, peraltro consapevole di parlare con una persona indagata". Agli atti dell'inchiesta c'è anche la conversazione tra Sirianni e Lucano, il magistrato tira in causa anche Nicola Gratteri, procuratore capo di Catanzaro. Al telefono Lucano sembra preoccupato per le parole di Gratteri, ma Sirianni lo rassicura. "Lascialo stare, è un fascista di merda ma soprattutto un mediocre e ignorante". Ce ne è anche per l'allora ministro degli Interni Marco Minniti, che in Calabria è un'autorità assoluta. Per la sua politica rigida sull'immigrazione viene definito da Sirianni "uno pseudo comunista burocrate che ha leccato il culo a D'Alema per tutta la vita". La replica di Palamara. "Strano che tutte queste intercettazioni non siamo mai uscite sui giornali e ancora più strano che non siano mai arrivate al Csm, e non penso che sia stato un disguido delle poste".

LEGGI ANCHE

Vaccini, Green Pass illimitato ma non per tutti. Scade a chi ha preso il Covid

Molestie scuola, "Mandami la foto del seno se vuoi il 6". Insegnante nei guai

Pensioni: aumenti degli assegni fino a 700 euro nel 2022. Ecco a chi e come

Iscriviti alla newsletter
Tags:
caso palamaraintercettazioni magistratilibro sallustimarco minnitimimmo lucanonicola gratteri
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Tensioni Pascale-Turci dopo il divorzio. Rissa per la mega-villa lasciata da Berlusconi

non poteva finire peggio

Tensioni Pascale-Turci dopo il divorzio. Rissa per la mega-villa lasciata da Berlusconi


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico





motori
La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.