A- A+
Cronache
Catanzaro: Reddito di Cittadinanza a condannati per mafia
LaPresse

Catanzaro: Reddito di Cittadinanza a condannati per mafia

 

I finanzieri del Comando Provinciale di Catanzaro hanno individuato e denunciato quindici soggetti che avrebbero incassato indebitamente il reddito di cittadinanza, nonostante siano stati condannati o sottoposti a misure cautelari, per associazione mafiosa.

L'operazione avvenuta in collaborazione con l'Inps, fa parte delle attività di controllo della spesa pubblica nazionale e ha permesso di scoprire altre 71 persone che, per varie ragioni, non avevano i requisiti necessari per poter ottenere il Reddito di Cittadinanza.

L'incrocio dei dati (che contempla alcuni indici di rischio), da parte delle Fiamme Gialle e dell'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale, ha permesso di controllare anche la posizione di altri 129 nuclei familiari, scoprendo così sei persone che avrebbero 'dimenticato' di dichiarare 508mila euro complessive di vincite al gioco e altre 35 persone ree di non aver informato l'ente erogatore del Reddito di Cittadinanza, delle variazione della loro posizione patrimoniale.

Le prime stime dicono che il totale delle somme indebitamente riscosse fino a oggi ammonterebbe a oltre 700mila euro. Ora, sarà compito dell'Inps e della Magistratura mettere in campo le necessarie misure per il recupero, la revoca del beneficio e il sequestro penale dei sussidi incassati dai “furbetti”.

Purtroppo, non molto difficile ottenere il Reddito di Cittadinanza facendo i furbi e imbrogliando la collettività. La chiave è l'autocertificazione, che rimanda alla dichiarazione sostitutiva unica con cui viene fatto il calcolo del reddito e dell'Isee: fornendo dati mendaci o omettendo elementi che potrebbero far intendere la reale disponibilità economica del soggetto, si ottiene facilmente il sussidio.

Va ricordato che le pene per chi 'imbroglia' e percepisce somme in modo indebito sono molto alte: da 2 a 6 anni di reclusione in caso di dichiarazioni false o omissioni di informazioni, e da 1 a 3 anni di reclusione per l'omessa comunicazione delle variazioni di reddito, patrimonio o di altre informazioni dovute e rilevanti ai fini della riduzione o della revoca del beneficio.

Commenti
    Tags:
    reddito di cittadinanzamafia
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    “Elisabetta rifatti una vita…” Filippo, il web sdrammatizza

    Cronache

    “Elisabetta rifatti una vita…”
    Filippo, il web sdrammatizza

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, Italia bersaglio di perturbazione fino a maggio. Pioggia, neve e vento

    Meteo, Italia bersaglio di perturbazione fino a maggio. Pioggia, neve e vento





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Wayel presenta il nuovo scooter W3 100% elettrico

    Wayel presenta il nuovo scooter W3 100% elettrico


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.