A- A+
Cronache
Centri estetici in zona rossa ancora discriminati, ma prosperano gli abusivi
(fonte Lapresse)

La decisione di tenere chiusi i centri estetici nelle zone rosse rischia di mettere in ginocchio un’attività di circa 35mila imprese e di un giro d’affari che supera i 6 miliardi di euro. Tutto questo mentre continua l’attività degli abusivi che, secondo Confestetica superano le 120mila unità entrando in contatto con almeno cinque clienti al giorno, generando un rischio totale di circa un milione di persone. “E’assurdo e del tutto immotivato”: questo il commento a caldo di Marco Postiglione, fondatore e presidente di Marco Post, la prima rete in Europa di centri estetici specializzati in antiage senza bisturi con oltre 80 punti vendita attivi sul territorio nazionale, in merito alle chiusure settoriali disposte dal Governo per tutto il 2020.

Una situazione che si ripropone anche con il nuovo Dpcm portando allo stop dei centri estetici nelle zone rosse, unica categoria del comparto estetico a subire la chiusura.

Siamo sempre più indignati da questa ennesima discriminazione ai nostri danni - spiega il fondatore di Marco Post- durante il fermo natalizio, storicamente tra i periodi più, siamo stati chiusi contrariamente a barbieri, parrucchieri e altre realtà che si sono attrezzate per fornire trattamenti alla persona. Ora si sta ripetendo quanto avvenuto con l’introduzione delle zone rosse, che hanno dato vita al dilagare dell’abusivismo e penalizzato soltanto noi senza motivazioni oggettive. Perché?”.

La protesta incarnata da Marco Postiglione è condivisa anche da associazioni come la Cna che sottolinea come tenere aperti i centri estetici sia la scelta più sicura.

I centri estetici -conferma Postiglione- garantiscono per loro natura altissimi standard di sicurezza alla clientela. Lo svolgimento del lavoro non presuppone né la compresenza di più persone né assembramenti; inoltre tutte le attività sono periodicamente sanificate secondo i protocolli di sicurezza e rispettano tutte le linee guida anti-Covid”.

Il contenuto del nuovo Dpcm, che lascia però aperti parrucchieri e barbieri, preoccupa e non poco soprattutto sotto il profilo economico.

Quello dei centri estetici è infatti uno dei settori storicamente più vitali in assoluto, con una fortissima presenza femminile che coinvolge in tutta Italia circa 35mila attività e un giro d’affari che supera i 6 miliardi di euro.

Come sottolinea Postiglione, “l’ennesima chiusura ingiustificata rischia di generare perdite gravissime per l’intero comparto, il tutto senza una vera motivazione alla base. Chiediamo pertanto al Governo di inserire i centri estetici nella lista delle attività consentite in zona rossa, assimilandoci così a tutti gli altri servizi alla persona che invece, contrariamente a noi, possono restare aperti”, conclude Postiglione.

Commenti
    Tags:
    esteticazonarossaabusivi
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Belen Rodriguez si leva il bikini Maldive bollenti con Antonino

    Tatangelo, Canalis e.. Foto Vip

    Belen Rodriguez si leva il bikini
    Maldive bollenti con Antonino

    i più visti
    in vetrina
    Dayane Mello e Mario Balotelli, ritorno di fiamma: "Pare abbiano..."

    Dayane Mello e Mario Balotelli, ritorno di fiamma: "Pare abbiano..."





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    DS Automobiles, è main partner della Federazione Italiana Golf

    DS Automobiles, è main partner della Federazione Italiana Golf


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.