A- A+
Cronache
Covid, verità-bomba: "Scappato da un laboratorio. La Cia pagò per nasconderlo"

Covid, la rivelazione bomba sul virus: "Scappò dal laboratorio. La Cia pagò per insabbiare la verità"

Una vera e propria bomba, quella sganciata dal NY Post, che torna ad agitare le acque sull’origine della pandemia da Covid-19.

Una notizia ripresa oggi da molti media americani e che – se confermata – sarebbe sconvolgente: la Central Intelligence Agency si sarebbe offerta di pagare alcuni analisti per insabbiare le loro scoperte, ovvero che il Covid-19 era molto probabilmente fuoriuscito dal famoso laboratorio di Wuhan, in Cina. Notizia che già quando emerse aveva suscitato forti sospetti, sempre respinti con sdegno dal governo cinese.

Ora però spunterebbero prove inoppugnabili che davvero il Covid -19 sia frutto di un errore umano. Secondo infatti una lettera inviata martedì scorso al direttore della Cia William Burns un funzionario di alto livello della Cia ha riferito ai leader della commissione che la sua agenzia avrebbe tentato di pagare ben sei analisti per affermare il falso e quindi scagionare la Cina da ogni responsabilità. E sono affiorati pure dettagli sulle condizioni del pagamento che sarebbe avvenuto soltanto se avessero cambiato radicalmente la loro posizione e avessero cioè affermato che il virus era passato dagli animali all’uomo – il famoso "spillover" e non fuoriuscito da un laboratorio. A denunciare la vicenda è stato un "whistleblower", vale a dire un funzionario protetto da anonimato.

LEGGI ANCHE: Covid, spopola la variante Eris e salgono i contagi in Italia: ecco perchè

Il fantasma che il Covid possa essere stato generato in laboratorio era stato anche rilanciato alcuni mesi fa dall’Fbi che da tempo ha valutato che la pandemia sia scoppiata per un incidente di laboratorio a Wuhan. E anche il Wall Street Journal aveva pubblicato un dossier del Dipartimento per l’Energia di Washington che sposava l’accusa contro il laboratorio di Wuhan.

Covid, il ministro Schillaci: "Tra 15 giorni i nuovi vaccini"

Sulla possibilità che il vaccino anti-Covid venga offerto a tutti e gratuitamente "ancora non ci abbiamo ragionato, ma tra 15 giorni avremo i vaccini nuovi". Così il ministro della Salute Orazio Schillaci a margine dell'evento alla Camera 'Natalità: work in progress' rispondendo alle domande dei giornalisti.

Non solo: il vaccino anti-Covid aggiornato verrà offerto gratuitamente a tutti cittadini che vogliano sottoporsi alla somministrazione, e non soltanto alle categorie indicate nell'ultima circolare del ministero della Salute, ovvero over-60, soggetti fragili, donne incinte ed operatori sanitari. Lo ha affermato il ministro della Salute, Orazio Schillaci.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cinacovidfugalaboratorioorigine
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
"Rose Villain? Goduria la sua voce sul nostro tappeto di chitarre"

Finley, l'intervista ad Affari

"Rose Villain? Goduria la sua voce sul nostro tappeto di chitarre"


in vetrina
Immobiliare, la battaglia degli spot: Sherlock e Watson sfidano la nonna

Immobiliare, la battaglia degli spot: Sherlock e Watson sfidano la nonna





motori
Winkelmann CEO Lamborghini, prudente sulle BEV il primo modello arriverà nel 2028

Winkelmann CEO Lamborghini, prudente sulle BEV il primo modello arriverà nel 2028

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.