A- A+
Cronache
Fascina resta ad Arcore, la legge Cirinnà la salva in corner: ecco perchè
Pier Silvio Berlusconi e Marta Fascina

Il testamento di Berlusconi è il nucleo centrale della vicenda

Piersilvio chiede a Marta Fascina di lasciare Arcore entro 3 mesi, ma l’ultimatum potrebbe essere nullo: cosa dice la legge Cirinnà. Secondo indiscrezioni e come si legge su www.brocardi.it, Piersilvio Berlusconi avrebbe dato tre mesi di tempo a Marta Fascina, la compagna dell’ex premier Silvio Berlusconi, prima di dover lasciare per sempre Villa San Martino, la residenza di Arcore aveva vissuto negli ultimi anni insieme al Cavaliere.

Dopo l’apertura del testamento, con cui Berlusconi ha lasciato un legato da 100 milioni di euro alla Fascina, la prima mossa disposta dai figli è stata proprio quella di condurre gentilmente la donna alla porta.


È proprio il testamento di Berlusconi è il nucleo centrale della vicenda, in quanto il suddetto lascito milionario alla Fascina potrebbe essere nullo per via di un cavillo legale.
D’altro canto i figli, desiderosi di rispettare la volontà del padre defunto, pare non impugneranno il testamento ma in cambio hanno chiesto alla Fascina di lasciare libera Villa San Martino, dove sorge il mausoleo di Berlusconi e riposano le sue ceneri.

Infatti, Marta Fascina non può usufruire dei diritti riservati al coniuge superstite, così come previsti dall'art 540, comma 2 del codice civile, in quanto non risulta mai stata sposata con Silvio Berlusconi.
Questo significa che non può rivendicare alcun diritto di abitazione ad Arcore, né tantomeno le è stato concesso il diritto d'usufrutto su tale proprietà.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
marta fascina
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"

Patrizia Groppelli a cuore aperto su Daniela e tradimenti

"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico





motori
DS Automobiles: protagonista al Chantilly Arts & Élegance Richard Mille

DS Automobiles: protagonista al Chantilly Arts & Élegance Richard Mille

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.