A- A+
Cronache
Palermo: sgominata la "holding" delle rapine in banca, colpiva in tutta Italia

Da Palermo al nord Italia: così lavorava la "holding" delle rapine

Era una vera e propria holding delle rapine in banca quella smantellata dalla polizia di Palermo, che, su delega della Procura della Repubblica del capoluogo siciliano, ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di sei persone.  L'indagine era stata avviata un anno fa, quando il 4 aprile nella filiale Credem di Terrasini i banditi fecero irruzione per una rapina, segnata da un sequestro di persona. Ventitrè giorni dopo furono eseguiti cinque fermi nei confronti di altrettanti pluripregiudicati, tutti indagati per aver partecipato ognuno per la propria parte alla rapina.

Decisivi i colloqui intercettati in carcere

Sono stati i colloqui in carcere, intercettati dagli inquirenti, a svelare l'esistenza di una gang ramificata e organizata in modo tale da non lasciar scontento nessuno dei banditi, neanche chi veniva temporaneamente escluso dalle rapine perchè nel mirino di altre indagini di polizia: a costui veniva liquidato un compenso per rassicurarlo e al tempo stesso tenerlo agganciato alla banda. 

La "holding" delle rapine aveva base a Brancaccio

La roccaforte della holding era Brancaccio, il quartiere palermitano punto di riferimento storico della mafia palermiana. Da lì si organizzavano le trasferte nel resto d'Italia: Capaci, Favara, Milano, Bologna e Pistoia, le prossime tappe, mentre le indagini hanno fatto luce su rapine commesse in  passato. La cassaforte comune consentiva una rigenerazione costante della banda, che accoglieva altri elementi per rimpiazzare queli eventualmente arrestati e provvedeva al mantenimento delle famiglie di coloro che erano in carcere. La banda, spiegano gli inquirenti, funzionava da 'agenzia di collocamento', avvalendosi di alcuni specifici soggetti che offrivano 'lavoro' e diventando così punto di riferimento per il quartiere, con una credibilità conquistata colpo su colpo.

I "summit" per scegliere come investire il bottino delle rapine

A definire il futuro della holding erano dei 'summit', in cui si discuteva del reperimento di armi e si pianificavano i settori in cui investire il bottino. Tra questi ultimi non poteva non esservi il traffico di droga, con l’acquisto di partite da poter reimmettere sul mercato ad un prezzo maggiorato, nonché l’acquisto di beni immobili: progetti per il futuro, per diventare boss e, probabilmente, coprire il vuoto di potere attuale nella mafia palermitana.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cronachemafiarapine
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Elodie-Annalisa per reggere l'urto del post-Amadeus. E poi...

Carlo Conti a Sanremo

Elodie-Annalisa per reggere l'urto del post-Amadeus. E poi...


in vetrina
Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey

Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey





motori
Alfa Romeo: Glynn Bloomquist e la sua 33 Stradale unica

Alfa Romeo: Glynn Bloomquist e la sua 33 Stradale unica

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.