A- A+
Cronache
"Sono posseduto", entra in chiesa nudo e aggredisce il parroco. Poi muore
Cinque poliziotti di Verona arrestati per violenze sui detenuti

Torino, il 50enne "indemoniato" e il blitz fatale in chiesa

Da Torino arriva una storia di cronaca che ha dell'incredibile. Un 50enne è morto in seguito ad un malore in chiesa dopo aver gridato "sono posseduto dal demonio". La scena da film - si legge su Repubblica - si è consumata nella chiesa di San Remigio a Torino. Il protagonista è un torinese di 50 anni che sabato, sotto effetto di cocaina, alle 11.30 ha forzato l'ingresso della chiesa in via Rismondo 57 nel quartiere di Mirafiori Nord. Poi, dopo l’intervento della polizia, è stato trasportato in ospedale, dove è morto. Quando è entrato in chiesa il 50enne "era completamente nudo", annotano gli agenti delle Volanti che sono intervenuti sul posto, ha forzato la porta di San Remigio, si è seduto su un banco e ha iniziato a pregare. L’uomo era uscito da poco dal carcere, aveva dei problemi di salute legati alla droga.

Leggi anche: "Che c'hai da guarda'? Ma che voi?": la provocazione accende una rissa. VIDEO

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cronache torino
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari va in rete

MediaTech

Affari va in rete


in vetrina
Il Roma Pride compie 30 anni: Annalisa madrina e Elly Schlein al corteo. FOTO e VIDEO

Il Roma Pride compie 30 anni: Annalisa madrina e Elly Schlein al corteo. FOTO e VIDEO





motori
Luca De Meo CEO Renault Group, la visione dietro l'Alpine A290

Luca De Meo CEO Renault Group, la visione dietro l'Alpine A290

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.