A- A+
Cronache
Torino, blitz della Guardia di Finanza: sequestrati 80 kg cocaina. Un arresto

Torino, blitz della Guardia di Finanza: sequestrati 80 kg cocaina. Un arresto

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Torino hanno individuato e tratto in arresto un cinquantaduenne di nazionalità albanese trovato in possesso di oltre 80 kg di cocaina pura, destinata - in ipotesi investigativa - allo smercio nelle Regioni del nord Italia, principalmente in Piemonte e Lombardia. L’ingente sequestro di stupefacenti consegue all’attività di analisi e approfondimento, per finalità di ricerca e repressione delle condotte illecite nello specifico comparto operativo, svolta dal Nucleo di polizia economico - finanziaria di Torino in ordine alle principali tratte battute dai narcotrafficanti sul territorio nazionale per rifornire di narcotico le aree urbane del Piemonte, in particolare del relativo capoluogo. In tale contesto, la mattina dello scorso 9 luglio, nella provincia di Bergamo (precisamente nel territorio del Comune di Brignano Gera d’Adda), è stata individuata e fermata un’autovettura rientrante tra quelle considerate sospette, con a bordo un soggetto albanese, il quale - a seguito del controllo intrapreso dai militari operanti - denotava agitazione e comportamenti che hanno destato sospetto, inducendo a sottoporne l’autovettura a una più accurata ispezione, all’esito della quale è emerso come lo stesso avesse nella propria disponibilità sostanza stupefacente del tipo “cocaina”, si è reso necessario procedere anche alla successiva perquisizione della relativa abitazione e pertinenze.

LEGGI ANCHE: Market della droga tra Pescara e Roma via social: nei post le foto e i prezzi

L’attività posta in essere dai militari del Nucleo di polizia economico - finanziaria ha consentito di rinvenire e sottoporre a sequestro, nel complesso, 74 panetti di cocaina, dal peso complessivo di oltre 80 kg, risultati occultati all’interno di 2 autovetture nella disponibilità del suddetto soggetto di nazionalità albanese, peraltro munite di appositi doppifondi, parcheggiate all’interno di box ubicati nello stabile dove lo stesso dimorava, nonché denaro contante per circa 35 mila euro, detenuto all’interno della sua abitazione. Tale quantitativo di stupefacente, se immesso sul mercato “al dettaglio”, avrebbe potuto generare introiti illeciti per almeno 8 milioni di euro. All’esito delle attività il soggetto è stato arrestato in flagranza di reato, per il delitto di traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti o psicotrope, con l’aggravante dell’ingente quantità. Ciò ferma restando la presunzione di innocenza del predetto fino a compiuto accertamento delle relative responsabilità.

Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
William e Kate, aria di divorzio. Crisi per la malattia della duchessa

Forti tensioni a Palazzo

William e Kate, aria di divorzio. Crisi per la malattia della duchessa


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico





motori
My CUPRA App: la ricarica elettrica diventa più semplice

My CUPRA App: la ricarica elettrica diventa più semplice

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.