A- A+
Cronache
We Are Social: "Chat sessiste? Abbiamo inviato indagine interna, ci scusiamo"
Gabriele Cucinella

#Metoo della pubblicità, su Affaritaliani.it la posizione dell'agenzia "We Are Social": "Chiediamo scusa, abbiamo avviato indagine interna"

Felix The Cat
 

Gabriele Cucinella, uno dei tre fondatori di We Are Social, non nasconde la sua delusione. "Abbiamo deciso di avviare un'indagine interna - dice ad Affari - perché condanniamo atteggiamenti come questi. Ci siamo autosospesi dall'UNA". Ma il danno ormai è fatto e la reputazione dell'agenzia pubblicitaria impiegherà del tempo per tornare ai livelli (altissimi) a cui era arrivata. Il tutto, tra l'altro, orginato da una chat che è stata chiusa nel 2017. A riprova che la rete ha una memoria d'elefante e che difficilmente si può nascondere la polvere sotto il tappeto. 

Cucinella, come rispondete alle accuse che vi vengono mosse?

Condanniamo fermamente quanto successo e siamo profondamente convinti che qualsiasi atteggiamento inappropriato, discriminatorio o di molestia non sia tollerabile e, proprio per questo motivo, abbiamo deciso di avviare un'indagine interna che affideremo a una realtà terza. Sin da quando We Are Social è nata abbiamo sempre avuto l’ambizione di creare un posto di lavoro in cui le persone si sentissero rappresentate, accolte e libere di esprimersi. Sottolineiamo che l’episodio risale a sette anni fa e che non appena ne siamo stati informati abbiamo effettuato un controllo interno. Purtroppo però sui nostri sistemi non avevamo la possibilità di identificare alcun contenuto perché la chat Skype non era utilizzata ufficialmente dall’azienda. Era stata creata da dei singoli, nessuno di noi tre fondatori dell’agenzia era presente al suo interno e non abbiamo avuto alcuna possibilità di risalire ai contenuti. 

LEGGI ANCHE: We are social, l'invito alle stagiste ad andare in ufficio senza mutande. Chat

E’ vero che esistono chat in cui vengono usate espressioni "ingiuriose" nei confronti delle donne dell'agenzia?

Possiamo confermare che esisteva una chat sulla piattaforma Skype di cui siamo venuti a conoscenza solo nel 2017, quando era già stata chiusa. We Are Social è stata coinvolta in un’ampia discussione sulla condizione femminile sul luogo di lavoro, in particolare nel settore delle agenzie di comunicazione. E' innegabile che esista un tema di cambiamento culturale che coinvolge l’intero settore e sul quale bisogna investire. Noi continueremo ad impegnarci nelle attività che portiamo avanti da anni per rendere l’ambiente lavorativo sempre più inclusivo.

E’ vero che diversi dirigenti hanno adottato atteggiamenti quantomeno volgari nei confronti delle donne?

Non possiamo sapere con esattezza chi fosse presente in quella chat. Avremmo forse potuto indagare di più, ma senza possibilità di accesso abbiamo ritenuto di procedere sviluppando azioni di formazione e sensibilizzazione. In We Are Social il clima aziendale è sano e l'attenzione per le persone è un fatto reale, un aspetto imprescindibile del dna dell’agenzia. Da tempo abbiamo implementato delle pratiche strutturate in questo senso. Tutti i dipendenti sono rigorosamente tenuti a rispettare il codice etico ed è attivo un processo interno di segnalazione di episodi ritenuti inadeguati. L’azienda ha costruito nel tempo un team interno dedicato a equity, diversity e inclusion e abbiamo organizzato inoltre diversi incontri di formazione sul tema. Nell’ambito della mental health è stato sviluppato un progetto formativo dedicato ai Manager, con due ricerche, survey interne annuali e indipendenti che monitorano proprio questo aspetto. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
molestie sessualipubblicitàwe are social
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Villa da sogno in vendita a Casalpalocco: è dell'ex portiere dell'As Roma Patricio

Ecco quanto vale l'immobile

Villa da sogno in vendita a Casalpalocco: è dell'ex portiere dell'As Roma Patricio


in vetrina
Nuovo concept per i cocktail di lusso: nel cuore di Milano Giardino Cordusio

Nuovo concept per i cocktail di lusso: nel cuore di Milano Giardino Cordusio





motori
Renault lancia la tecnologia Apache: meno rumore per strade più sicure e sostenibili

Renault lancia la tecnologia Apache: meno rumore per strade più sicure e sostenibili

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.