A- A+
Culture

di Giovanni Gasparini

I primi gesti del nuovo papa hanno stupito per la loro semplicità. Sono gesti che chiunque, credente o non credente, ha occasione di fare nella propria vita quotidiana: salutare con  “Buona sera” o “Buona notte”, usare mezzi di trasporto non riservati come il pulmino con cui il papa si è spostato a Roma insieme ad alcuni cardinali (e si sa che a Buenos Aires il card.Bergoglio usava la metropolitana, cioè i mezzi pubblici, quelli che in francese si chiamano “i trasporti in comune”), pagare il conto nell’albergo (quello dove aveva pernottato prima del Conclave), e così via.

 

A prescindere dalle considerazioni sullo stile di umiltà e povertà inaugurato da un pontefice che si è scelto il nome programmatico di Francesco ispirandosi al santo di Assisi, mi sembra che si possano sviluppare alcune osservazioni di carattere sociologico. In primo luogo, vengono valorizzati fortemente  i comportamenti, gli oggetti e i problemi ordinari  della vita quotidiana, quelli che incombono a chiunque indipendentemente dal suo status e dalla sua collocazione sociale. In altri termini, ciò che è normale e “piccolo” non è di per sé banale o disprezzabile ma ha una propria dignità e merita considerazione: le piccole cose racchiudono valori che richiamano le grandi cose. In questa linea si possono richiamare qui, tra l’altro, il valore legato ad un’accettazione realistica dei vincoli della vita in comune, o quello  del  rispetto dei compiti che a ciascuno competono nell’organizzazione sociale e nel tessuto della vita collettiva.  La riscoperta dei piccoli gesti del quotidiano rinvia, in società di grandi dimensioni e ad elevata complessità, a ciò che è “comune” tra me e ciascun altro, così come al valore di condividere democraticamente – cioè tutti in modo equo e sostanzialmente identico – certi aspetti del vivere, specialmente nelle aree metropolitane.  Penso a comportamenti della vita di ogni giorno come  attendere l’erogazione di un servizio in modo corretto rispetto a  tutti gli altri (e cioè mettendosi in coda) o  condividere la fruizione di un mezzo di trasporto, ma anche a  una serie di azioni praticabili da tutti, come ad esempio camminare, andare a rilassarsi in un parco,  telefonare con un cellulare, connettersi a internet, entrare in un supermercato per gli acquisti,  eccetera.

Un’ultima osservazione mi suggerisce questo inizio di pontificato:  i gesti di papa Francesco, come in altri casi felici di grandi comunicatori (tra cui si può annoverare Giovanni Paolo II), tendono ad annullare il gap tra comunicazione pubblica e privata. La comunicazione trasmessa dai media viene recepita cioè come autentica, non calibrata sulle esigenze di un messaggio pubblico ma affidata alla forza di parole semplici che tutti potrebbero pronunciare e che anche per questa via rafforzano il valore del quotidiano.

Gianni Gasparini

Giovanni Gasparini (in foto sopra), docente di Sociologia (Università Cattolica di Milano) e scrittore, ha al suo attivo la pubblicazione di oltre quaranta volumi, di cui circa metà in sociologia e l’altra metà in poesia, letteratura e saggistica. Tra i volumi più recenti figurano Interstizi e universi paralleli (Apogeo 2007), Tous azimuts. Il senso della scrittura (FrancoAngeli 2011) e la raccolta di poesie Melting pot (Nomos 2013). Ha fondato e coordina il Newsmagazine on-line “Interstizi & Intersezioni”.

Tags:
papafrancescochiesa
in evidenza
Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

Ucraina

Imprese colpite dalla guerra
SIMEST lancia una campagna aiuti


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Maserati svela la nuova GranTurismo

Maserati svela la nuova GranTurismo

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.