A- A+
Economia
Banche popolari, rivoluzione in arrivo: le piccole cedono sul voto capitario
Foto: LaPresse

Rivoluzione in arrivo per il mondo delle banche popolari: secondo un emendamento contenuto nel decreto Sostegni bis, approvato nei giorni scorsi dalla commissione Bilancio della Camera, per le “piccole” crolla il principio inviolabile del voto capitario e viene accettata l’apertura del capitale a soci esterni, con possibilità di controllo e governance. Viene quindi giù uno dei fondamenti principali: per ogni azionista un solo voto a prescindere delle azioni possedute. Una svolta che interesserebbe- sottolinea il Sole 24 Ore- le banche popolari con attivi inferiori a 8 miliardi, perché quelle sopra, come prevede la riforma del 2015, sono ormai spa. 

In sostanza, l’emendamento contenuto nel decreto Sostegni bis introduce un nuovo articolo al testo unico bancario, che aggunge una modifica alle già esistenti azioni di finanziamento: i titoli che possono essere sottoscritti per dare capitale alla banca conferiscono diritti di voto in qualche modo proporzionale al totale delle risorse finanziarie.  “Lo statuto stabilisce i diritti patrimoniali e amministrativi attribuiti ai soci finanziatori e il numero dei voti loro spettanti e ne assicura la computabilità̀ come capitale di qualità̀ primaria”, si legge al comma 2. 

Se la previsione viene recepita, le risorse immesse nella banca possono essere computate nel patrimonio di vigilanza e rafforzare i requisiti dell’istituto, precisa il Sole 24 Ore. La possibilità̀ di attribuire diritti patrimoniali e amministrativi, quindi validi ai fini della governance della banca, è consentito dall’articolo 2526 del codice civile, richiamato dalla norma, il quale al contempo per le società̀ cooperative fissa un limite massimo del 30% dei voti spettanti all’insieme dei soci presenti in assemblea che può̀ essere controllato da un singolo soggetto, aggiunge il Sole 24 Ore. In più- conclude il Sole 24 Ore- per le banche popolari che abbiano inadeguatezza patrimoniale o siano sottoposte ad amministrazione straordinaria non vale il limite del 30%. Un nuovo azionista che metta capitale nella banca può̀ anche assumerne il controllo tout court. 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    banche popolaripopolari voto capitanobanche popolari piccolepiccole banche voto
    i più visti
    in evidenza
    E-Distribuzione celebra Dante Il Paradiso sulle cabine elettriche

    Corporate - Il giornale delle imprese

    E-Distribuzione celebra Dante
    Il Paradiso sulle cabine elettriche


    casa, immobiliare
    motori
    Heritage di Stellantis protagonista ad “Auto e Moto d’Epoca 2021”

    Heritage di Stellantis protagonista ad “Auto e Moto d’Epoca 2021”

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.