A- A+
Economia
Da ChatGPT agli insetti, la sindrome da bulli in Italia blocca l'innovazione

ChatGPT, un po’ di intelligenza artificiale avrebbe fatto bene a politici e burocrati e li avrebbe salvati dalla loro inconsistenza di pensiero. L'analisi 

Quando sento certi nostri politici scandalizzarsi per l’uso degli insetti in cucina oppure li vedo indignarsi quando qualcuno azzarda che certi nostri piatti acclamati come nazionali hanno radici lontane dall’Italia, quando gli stessi politici si vantano di rinunciare alla ricerca sulla carne sintetica inseguendo le demenziali rivendicazioni della Coldiretti (che non centrano nulla con il salvare le nostre tradizioni gastronomiche), quando un organismo di tutela italiano stabilisce lo stop a ChatGPT (unici insieme alla Russia, la Cina, la Corea del Nord e altri paesi di questa caratura) perché non rispetta la privacy (dimenticandosi che ce la siamo giocata da un pezzo) mentre i call center ci tormentano ogni giorno nel pieno rispetto delle regole, quando ci si inventa una fantomatica ricerca di scafisti sul globo terraqueo, allora capisco che siamo un paese morto dentro.

LEGGI ANCHE: "Geopolitica dell’infosfera", da ChatGPT ai robot: il libro-guida del digitale

Si avete capito bene. Morto dentro. Un paese che ha un orizzonte culturale che non travalica il quartiere. Qualcuno dirà che i quartieri e le tradizioni popolari vanno salvate, certo che vanno slavate, ma erigere barriere mentre il mondo va avanti ci si tira la zappa sui piedi. È l’approccio dei bulli, i ripetenti. Pensare che un politico impegni minuti del suo tempo per battersi, a prescindere dai benefici salutistici, contro l’uso di certi insetti o contro le sperimentazioni sulla carne sintetica che avrebbe benefici enormi sull’ambiente, abbiamo la prova concreta del nostro leggendario provincialismo che ci ha fatto scivolare in un declino senza sosta, che vede come fumo negli occhi qualsiasi tipo di intrusione: di persone, di culture, di idee, di piatti, di ricerca.

LEGGI ANCHE: Il nuovo scivolone del garante della Privacy: blocca ChatGpt e ci ridicolizza

Evviva la diversità, le cucine multietniche, le sperimentazioni, le tecnologie, le lingue diverse. Un popolo che si chiude muore. Ma forse noi siamo già morti, ma non perché potremo comprare insetti e farci indigestione, mentre ci si indigna dei grilli infatti il PNRR corre davanti a noi e rischiamo di perdere decine di miliardi utili allo sviluppo, all’evoluzione che, non dimentichiamolo, è fatta di fughe in avanti e non di italiche ritirate come quelle già avvenute in passato su OGM, Nucleare, Tap, Uber e così via….

E poi un po’ di intelligenza artificiale di ChatGPT forse avrebbe fatto bene a politici e burocrati e li avrebbe salvati dallo loro inconsistenza di pensiero e di prospettiva (oltre che da sparate come quella recente di La Russa) e anche il PNRR ne avrebbe beneficiato.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
chatgpttechtecnologia





in evidenza
"Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"

De Filippi furiosa in tv

"Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"


motori
Bentley svela la nuova Continental GT Ibrida da 782 CV

Bentley svela la nuova Continental GT Ibrida da 782 CV

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.