A- A+
Economia
Eni archivia l'era del greggio low cost. Cedola di 0,86 euro. Ok in Borsa

Descalzi: "Struttura finanziaria a livelli precrisi"

Eni archivia l’era del petrolio low cost riportando nel 2021 un utile netto adjusted, depurato cioè delle componenti straordinarie, di 4,7 miliardi di euro, il più alto dal 2012. Un risultato raggiunto, ha fatto sapere la società petrolifera guidata da Claudio Descalzi, grazie alla performance operativa, a migliori risultati delle partecipazioni all'equity e al sensibile recupero dello scenario upstream. L'utile netto sale a 6,12 miliardi. Nel quarto trimestre l'ebit adiusted è salito del 53% a 3,8 miliardi e l'utile netto adjusted a 2,11 miliardi. Confermata proposta di dividendo 2021 già annunciata al mercato di 0,86 euro per azione, di cui 0,43 versati in sede di acconto a settembre 2021.

Eni, nel 2021 utile ai massimi dal 2012. Le parole del Ceo Descalzi

Nel corso della call con gli analisti, il numero uno di Eni Claudio Descalzi ha detto di avere un dialogo con il governo su un incremento della produzione di gas in Italia, "ma dobbiamo aspettare cosa viene deciso".

"Nei colloqui abbiamo detto che siamo aperti a discutere nel caso ci sia la possibilità di sviluppare nuove risorse. Aspettiamo e vediamo, siamo aperti e pronti a investire nel gas in Italia", ha osservato Descalzi. 

Per quanto riguarda Saipem, invece, il manager ha affermato che "con Cdp supportiamo la società ma dobbiamo prima capire il futuro".

"Abbiamo iniettato risorse, ora c'è un processo di riorganizzazione in corso e Saipem sta lavorando per presentare un nuovo piano al mercato. Fino a quando non conosceremo la nuova riorganizzazione, il nuovo piano e il taglio dei costi non possiamo dire nulla", ha concluso.


La produzione d'idrocarburi del quarto trimestre è stata di 1,74 milioni di boe/g, +2,7% rispetto allo stesso trimestre del 2020 a parità di prezzo e +3,2% rispetto al terzo trimestre 2021. Nell'anno 1,7 milioni di boe/g a parità di prezzo, in linea con la guidance. Nell’esercizio, Eni ha realizzato un flusso di cassa di 12,7 miliardi che ha finanziato capex netti di 5,8 miliardi. Il free cash flow organico è di 7,6 miliardi. La generazione di cassa organica, ha spiegato sempre il gruppo energetico, è in grado di coprire il pagamento dei dividendi e il buy-back (in totale 2,8 miliardi), la manovra di portafoglio a sostegno dei business della transizione (2,1 miliardi) e permette di ridurre il debito netto a 9 miliardi e il rapporto di leva a 0,20 contro 0,31 a fine 2020. 

"Nel corso del 2021 abbiamo raggiunto risultati eccellenti e accelerato la nostra strategia di trasformazione che fa leva sull'integrazione di tecnologie, nuovi modelli di business e stretta collaborazione con i nostri stakeholders. La rigorosa disciplina finanziaria e la riduzione dei costi messe in campo in seguito alla crisi pandemica ci hanno consentito di cogliere al meglio la forte ripresa economica del 2021", ha commentato Descalzi.

"Abbiamo consolidato un Ebit di 9,7 miliardi e un utile netto adjusted di 4,7 miliardi, il piu' alto dal 2012, quando il Brent superò 110 dollari al barile. La forte generazione di cassa, che ha beneficiato anche della selettivita' nelle scelte di spesa, ha reso disponibili 7,6 miliardi di free cash flow organico, in grado di accelerare la crescita dei business green e di coprire dividendi e buy back già ritornati a livelli pre-pandemia, e ridurre il rapporto d'indebitamento al 20%, rispetto al 31% dello scorso anno", ha aggiunto il numero uno dell'Eni.

(Segue...)

Commenti
    Tags:
    bilancio eni 2021claudio descalzidividendoenigreggiopetrolio




    
    in evidenza
    "Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"

    Patrizia Groppelli a cuore aperto su Daniela e tradimenti

    "Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"


    motori
    Toyota lancia il nuovo PROACE Electric e PROACE CITY Electric

    Toyota lancia il nuovo PROACE Electric e PROACE CITY Electric

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.