A- A+
Economia
H&M, utili trimestrali oltre le attese: così il fast fashion riprende vigore

Per il secondo trimestre consecutivo il risultato è superiore ai livelli pre-Covid, con un incremento di oltre 500 milioni di corone svedesi

Utili oltre le attese per H&M nel quarto trimestre dell’anno. La seconda catena di abbigliamento “fast fashion” (dopo Zara) ha chiuso gli ultimi tre mesi del 2021 con un aumento del 64% degli utili pre-tasse a 640 milioni di dollari. Per il secondo trimestre consecutivo il risultato è dunque superiore ai livelli pre-Covid, con un incremento di oltre 500 milioni di corone svedesi (circa 50 milioni di euro) rispetto al consensus degli analisti.

Le vendite a dicembre e gennaio sono cresciute del 20% in valore rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e ora l’obiettivo fissato apertamente dal management dell’azienda è di raddoppiare i ricavi entro il 2029 rispetto alle 199 miliardi di corone del 2021, oltretutto dimezzando le emissioni di anidride carbonica.
H&M punta a un margine operativo del 10% entro il 2024.

Si tratta, con ogni probabilità, di un obiettivo conservativo, anche perché il quarto trimestre si è chiuso con un Mol dell’11%. "Ora che siamo tornati a una situazione più normalizzata, con una forte posizione finanziaria e una buona redditività possiamo tornare a focalizzarci sulla crescita" ha dichiarato l’amministratore delegato Helena Helmersson.

Un mese fa la holding Index, di proprietà della famiglia Ortega e che detiene i marchi Zara, Bershka, Stradivarius, Pull & Bear e massimo Dutti aveva registrato un andamento record nel terzo trimestre. Al 31 ottobre, infatti, si era chiuso con un utile netto di 1,23 miliardi, in aumento del 42% rispetto allo stesso periodo del 2020. Nei primi nove mesi del 2021 Zara e gli altri marchi avevano ottenuto una performance di 19,3 miliardi, 500 milioni sotto i livelli del 2019.

Dunque si può tracciare un primo, incompleto bilancio: il fast fashion è ripartito, ma in questo momento H&M – che in Italia ha un costo medio leggermente inferiore rispetto a Zara – sembra registrare performance migliori. Segno evidente che il lascito del Covid nel mondo della moda è un’ulteriore polarizzazione tra i segmenti dai prezzi più contenuti e il lusso. Proprio in questo secondo comparto si vede come i più forti hanno tirato fuori i muscoli, con Louis Vuitton e Hermès che hanno registrato un aumento delle vendite – secondo Comgest – di oltre il 35% rispetto ai livelli pre-crisi. 

La riprova sta nel fatto che secondo uno studio presentato durante Pitti Uomo da Owc e Fondazione Edison, il comparto fashion&luxury registra un fatturato superiore dell’1% riseptto al 2019, mentre il mondo della moda nel suo complessivo è ancora sotto di 15 punti percentuali rispetto all’ultimo periodo pre-Covid.Dunque, se per arrivare ai livelli del 2019 servirà aspettare il 2023 (almeno per l’Italia), i marchi del fast fashion e del lusso hanno ripreso a correre. Nel mezzo, qualche sofferenza in più. 

LEGGI ANCHE: 
- Tod's, l'Asia traina i ricavi a 884 milioni: il titolo vola a Piazza Affari
- Burberry e Richemont, boom dei ricavi. Volano in Borsa anche Moncler e Tod’s
- Lvmh, boom di vendite e profitti nel 2021. Tiffany da record
Commenti
    Tags:
    fast fashionh&mmoda




    
    in evidenza
    Annalisa e Tananai in versione Bonnie e Clyde. Video

    Arriva Storie Brevi

    Annalisa e Tananai in versione Bonnie e Clyde. Video


    motori
    Mercedes-Benz amplia la gamma Small Van con EQT ed eCitan

    Mercedes-Benz amplia la gamma Small Van con EQT ed eCitan

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.